Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I sentieri del Russiagate
portano fuori dagli Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

INCONTRI di Clemente Mazzetta
Immagini articolo
"In me prevalgono
interessi da studioso"
Clemente Mazzetta


a cominciato come insegnante prima al ginnasio di Biasca, poi a liceo di Locarno e ha concluso la sua attività professionale come direttore dell’archivio storico del canton Ticino e delle due biblioteche di Locarno e Bellinzona, pochi anni fa, nel 2013.  Quarant’anni che hanno trasformato il Ticino. Dal rastrello al computer.  
Andrea Ghiringhelli, 70 anni, storico e intellettuale assai "poco organico" del Plrt, guarda con distacco le ultime vicende della politica cantonale.  "Di famiglia liberale, non ho mai assunto cariche istituzionali o di partito, tranne quelle di consigliere comunale. Prevale in me maggiormente l’interesse dello studioso, l’analisi delle cose politiche". Come un entomologo che osserva dall’esterno, cataloga, classifica.  Fra i protagonisti di "Ragioni critiche", una rivista d’ispirazione liberale che con Giancarlo Olgiati, Alfonso Tuor e Antonio Spadafora, agitò il dibattito a cavallo degli anni 80/90. Ma già prima si era occupato della crisi dei partiti. In particolare del Plrt. In un opuscolo "Alla ricerca del consenso perduto" analizzò le cause e individuò le dinamiche che divennero evidenti in anni più recenti. Prima dell’arrivo della Lega. Suggerì la svolta verso il maggioritario. "Anni di discussioni, di proposte, di dibattiti, finiti in un nulla di fatto".
Oggi è preoccupato per il disinteresse verso  l’Osservatorio della vita politica regionale, l’istituto che analizza l’azione dei partiti politici, i rapporti fra cittadini e istituzioni. Teme il rischio di chiusura di questo "centro studi" di cui con Elio Venturelli (allora direttore dell’Ufficio statistica) vanta la paternità. "Paradossale che mentre si chiedano più lezioni di civica, mentre si sottolinei la necessità di maggiori contatti con le università d’oltralpe, per una questione di risparmi si metta in discussione proprio l’Osservatorio che è convenzionato con l’università di Losanna e che garantisce le basi per una comprensione delle dinamiche fra istituzioni, cittadini  e politica".   Cresciuto a Osogna in Riviera, ha vissuto gli anni della rivolta alla scuola magistrale di Locarno. Periodo che ricorda con un pizzico di nostalgia, "per le grandi discussioni di quegli anni molto ideologizzati. Tempo estremo nelle tensioni e negli ideali, ma così pieno di attese".  Dopo gli anni universitari di Friburgo (storia moderna, contemporanea e psicopedagogia) insegnò per una dozzina d’anni.  Poi nel 1986 la svolta. "Successe che l’allora consigliere di Stato Carlo Speziali mi chiese di subentrare allo storico Raffaello Ceschi nella direzione dell’archivio storico. Ci pensai  per qualche tempo. Poi mi decisi".  Si era agli esordi. Con pochi mezzi e poco personale. "Allora l’archivio era considerato poco più di un magazzino di carte e cartacce. Alloggiato in uno stabile pericolante in via Salvioni a Bellinzona". Un’ex fabbrica di profumi.  "Poi traslocammo nella nuova sede, fummo abbinati alla biblioteca cantonale di Bellinzona e ci trasformammo in un archivio moderno, con tanto di iniziative, pubblicazioni, convegni. Chiesi e ottenni la trasformazione in unità autonoma con tanto di budget quadriennale". Una struttura che fra le prime introdusse la valutazione di qualità. La lasciò nel 2013.  Prima, alla fine degli anni 90, fu chiamato da Venturelli a collaborare all’istituzione dell’Osservatorio della vita politica affidato fin dalle origini ad un giovane ricercatore (Oscar Mazzoleni). "Il Ticino sotto l’aspetto politologico era sottosviluppato. Non esistevano analisi sulle votazioni,  non c’erano dati comparati.  Partimmo, poi quest’ufficio fu aggregato all’università di Losanna nel 2011 con risultati notevoli, con una cinquantina di pubblicazioni".  Risultati che non paiono riconosciuti. "Ho sempre avvertito, fin dagli inizi, da parte dei politici una certa diffidenza nei confronti degli studiosi che vanno a mettere naso nel loro campo: come se lo  considerassero di loro esclusiva competenza".
21-05-2017 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch