Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

INCONTRI di Francesco Anfossi
Immagini articolo
'Sono riuscito a uscire
da quel buco nero'
Francesco Anfossi


on è un giallo e nemmeno un poliziesco l’ultimo romanzo di Joël Dicker, autore del best seller La verità sul caso Harry Quebert, tradotto in 33 lingue e vincitore di numerosi premi letterari internazionali. E allora cos’è? La trama de La scomparsa di Stephanie Mailer è molto semplice. Quattro omicidi, la sparizione di una giornalista e due poliziotti che indagano. "Ma l’indagine non è la spina dorsale di questo libro", osserva Dicker. E infatti ci sono 30 personaggi che entrano in scena con il loro vissuto, le loro introspezioni, in questa cittadina, Orphea, nello Stato di New York, che sembra ideale per i quadri di Edward Hopper. "C’è persino chi mi ha rimproverato, in una presentazione che ho appena fatto in Francia, un personaggio che non serve assolutamente a nulla ai fini dell’indagine - racconta l’autore -. E c’è anche chi mi accusa di scrivere più pagine per vendere il libro a un prezzo maggiore". Insomma non si tratta di un giallo "perché va oltre l’inchiesta. È il mio punto di vista".
In effetti il libro di questo narratore 33enne è un tomo di settecento pagine ancora più grosso della Verità sul caso Harry Quebert. Ma come quest’ultimo, si divora pagina dopo pagina senza mai fermarsi. Incontriamo l’autore a Milano, in una libreria nel cuore della metropoli, per la presentazione della sua ultima fatica ("in questa città, ogni due anni, ritrovo tutte le mie abitudini"). Dicker ha un modo di vestire sciatto, da scrittore americano della beat generation, anche se è ginevrino. Giacca verde scuro, camicia, jeans e scarpe da tennis, barba di un paio di giorni. Qualche vanità di gel per ondulare i capelli. Dicker a lavoro concluso si diverte molto a parlare con i lettori, "dopo che ho impiegato tre anni a scriverlo, senza interagire con nessuno"). Se gli dici che è un autore di successo si schernisce: "Sono molti di più i romanzi, cinque, rifiutati che quelli che mi hanno pubblicato, finora, che sono quattro", dice. Romanzi uno diverso dall’altro. "Non cerco mai di andare incontro ai gusti del lettore. Mi baso sul piacere di quello che faccio. E che nessuno mi potrà togliere".
Poi però si affretta ad aggiungere: "A me interessa che le mie opere siano condivise. Chi può dire che non trova piacere nell’essere compreso? La comprensione è fonte di gratificazione. Proprio per la forza della condivisione.
La domanda fondamentale di tutti i personaggi di questo libro sembra tratta da Cechov del "Giardino dei ciliegi": Chi siamo? Da dove veniamo? Dove andiamo? Oggi attraverso i social tendiamo a mostrarci per quello che non siamo. Chi siamo dunque? "La risposta? Quella di accettarsi per quello che siamo. Ecco perché il mio è un romanzo introspettivo. Tutti i miei personaggi si chiedono: io sto bene lì dove sono? Lo aveva già detto Seneca: anche se uno si sposta i suoi problemi se li porta dietro. Quindi l’unica via possibile è fermarsi un attimo e chiedersi chi siamo. Si pongono questo problema i personaggi del mio ultimo romanzo, ambientato in un luogo lontano da me. Perché prendere le distanze spaziali, ambientarlo negli Stati Uniti, mi è servito anche a prendere le distanze da me stesso, che vivo nel verde di Ginevra. Ogni personaggio di questo libro passa una notte buia per ritrovarsi. Anche io ho avuto la mia notte buia, come un buco nero della mia esistenza. Ma sono riuscito a conviverci".
19-08-2018 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin