Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit è legata
al concetto di sovranità
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

INCONTRI di Natasha Fioretti
Immagini articolo
'Nessun compromesso
con me stessa..., mai'
Natasha Fioretti


adies, Ladies, uniamoci, scioperiamo l’una per l’altra, scioperiamo per una società solidale… Siamo sorelle, è forse peccato rivendicare ciò che ci spetta di diritto?" cantava Kim Bollag, in arte KimBo, con le sue colleghe Sasa, Mer e Sascha Rijkeboer durante lo sciopero femminista del 14 giugno. La canzone femminista che in pieno stile rap denuncia le discriminazioni quotidiane, il sessismo, chiama alla mobilitazione e alla resistenza in Svizzera tedesca è diventata una vera e propria hit dentro e fuori la manifestazione. KimBo, classe 1990, cresciuta in Ticino e oggi di casa a Basilea, non è nuova a questo tipo di esperienze. Si definisce un’artista attivista "nelle mie canzoni tematizzo le questioni sociali. Non sono interessata a fare dei pezzi commerciali, il mio scopo è fare arte e, anche, far riflettere. Sono considerata una voce autentica, una femminista convinta, mi chiamano a cantare alle manifestazioni e a festival alternativi come ad esempio l’Ifest di Roma".
La sua è una musica urbana nella quale confluiscono il Rap, il Reggaeton, le melodie Rhythm and Blues e il Trap. Il suo ultimo Ep Trip Infinito che prende il nome dall’omonima canzone è già girato parecchio grazie anche al video che, come si dice in gergo, spacca. "Lo abbiamo girato in Ticino con il regista Omar Beltraminelli di Giubiasco ma non è l’unica mia collaborazione ticinese. Attualmente lavoro a un pezzo insieme a Sisma, un rapper bellinzonese con il quale ho subito trovato un’intesa. Il tema è quello della partenza dei giovani ticinesi, della necessità di uscire dai propri confini per ragioni di lavoro e studi e poi fare ritorno a casa. Uscirà ad ottobre".
Per chi fa musica l’apparenza e l’abbigliamento contano. "La mia dj Sasa ed io facciamo molta attenzione al nostro abbigliamento sul palco ma non facciamo compromessi con il nostro animo attivista. Ricicliamo gli stessi abiti, spesso di seconda mano, abbinandoli in modo diverso". Non è facile nemmeno essere donna e essere femminista in un mondo notoriamente impregnato di una cultura maschilista e machista come quello del Rap. "La cosa che a volte mi manca è il rispetto. Essere una giovane donna di bell’aspetto porta molti a non considerarmi per il mio talento musicale e non è giusto. Se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi senza scendere a compromessi sei costretto a lottare più dei colleghi maschi".
Non solo l’animo femminista, nelle sue canzoni convivono anche l’animo tollerante e inclusivo, che canta contro il razzismo, quello che lotta per una società più giusta e paritaria e quello ecologista "tra i giovani si fa largo una nuova onda di coscienza ambientale e ne sono contenta". KimBo è grata a Basilea, questa città che l’ha accolta a braccia aperte sin dall’inizio. "Sono entrata a far parte di un collettivo di donne rapper, ho trovato un grande sostegno e ho potuto accedere a dei fondi per continuare a fare musica". L’anno scorso ha vinto il premio principale,  5mila: franchi, del Rockförderverein di Basilea. Ancora quattro mesi e avrà terminato i suoi studi di sociologia e di genere ma sul futuro ha le idee chiare: "Ho iniziato a lavorare per un’organizzazione che si occupa di donne e salute con la quale organizzerò un film festival al femminile. Collaboro anche con Helvetiarockt, un’organizzazione che sostiene le ragazze nella musica". E posto per il Rap ci sarà? "Creare musica è una fonte di passione insaziabile, mi sento socialmente attiva. Ma  in un contesto di piccole dimensioni come quello svizzero in cui le differenze linguistiche giocano un ruolo importante è difficile poter pensare di vivere di solo rap".
13-10-2019 01:00


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Forze turche
bombardano
per sbaglio
quelle Usa

Manifestanti
attaccano
la sede di Total
a Parigi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00