function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Dello stesso autore
di 0
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Se il terrore non politico
incide sulle nostre vite
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni
Loretta Napoleoni
Il nuovo presidente Usa dovrà fare i conti con il trumpismo
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Loretta Napoleoni
Chi è
Esperta di economia internazionale e terrorismo. Ha pubblicato vari libri; l'ultimo uscito è 'Kim Jong-Un - Il nemico necessarioi'.
Il prossimo presidente americano, chiunque egli sia - ma stando ai conteggi sarà Joe Biden  - dovrà fare i conti con un Paese spaccato in due, una nazione con due idee di se stessa quasi diametralmente opposte. Osservando i risultati elettorali nei vari Stati, quasi tutti con margini di vittoria per l’uno o per l’altro minimi, ci si domanda se l’America stia diventando un Paese ingovernabile e se questo non sia dovuto al Covid ma all’indebolimento del governo federale, delle istituzioni nazionali, dell’élite picconati abilmente ed inesorabilmente dal presidente in carica, Donald Trump. Tutto ciò si evince dalle dispute elettorali.
In primis, ci si domanda come sia possibile che da fine febbraio, da quando a causa della pandemia il voto per posta è diventato la scelta obbligatoria di chi non voleva rischiare il contagio alle urne, né il congresso né i partiti e tantomeno la Casa Bianca abbiano presentato una proposta di legge che introducesse in tutti gli Stati identiche modalità di voto e spoglio delle urne. Un modus operandi che impedisse che gli americani ed il mondo dovessero attendere giorni e giorni prima di avere i risultati elettorali. Tutti sanno che più a lungo si protraggono i conteggi e più si fa strada nella gente l’impressione che  i risultati siano stati manipolati. Lo spettro della frode elettorale cresce con il crescere del tempo necessario per lo spoglio delle schede.
In secondo luogo, l’astio e soprattutto la mancanza di rispetto che i due candidati hanno mostrato di avere l’uno per l’altro sminuisce l’istituzione della presidenza e il processo attraverso il quale ci si accede. Non è così che la battaglia politica si combatte nelle democrazie moderne.
A queste riflessioni sulle elezioni fanno eco le previsioni future sull’amministrazione di Joe Biden, qualora diventasse - come dicono i numeri - lui presidente. Con il Senato sbilanciato a favore dei repubblicani e i maggiori sostenitori del trumpismo rieletti, Joe Biden rischia di essere paralizzato in politica interna. Sarà difficile far passare la seconda fase dell’Obamacare o il green new deal, il piano di investimento nelle rinnovabili, promesso in campagna elettorale. Il più grosso fallimento, però, sarà il processo attraverso il quale le due anime della nazione tornino a fondersi. Biden si accorgerà che rimuovere Trump dalla Casa Bianca non servirà a eradicare il trumpismo. Al contrario, agli occhi dei suoi sostenitori la vittoria di Biden apparirà come una "frode" perpetrata dal sistema, di quello che gli americani chiamano il "deep state", lo stato profondo che si muove nel sottobosco delle nostre vite.
È un momento buio per il Paese che ha inventato il sogno americano, un momento che potrebbe durare per anni, e che avrà ripercussioni negative su tutto l’Occidente che quel sogno ha cercato di riprodurre. Assistiamo alla fine dell’impero americano? Molti hanno paura che la risposta sia positiva.
07-11-2020 22:30



IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

I quartieri poveri
di Madrid
non hanno
più luce

Poliziotti violenti
in Francia,
spaccata anche
la maggioranza

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00