Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Da al Quaeda a Isis
tutto si è semplificato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio e secondo trimestre 2017
21.08.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2017
18.08.2017
Aggiornati i dati sulla qualità igienica delle acque di balneazione rilevati dal Laboratorio cantonale [www.ti.ch/oasi]
27.07.2017
Avviso di prudenza del 27.07.2017 nell'accensione di fuochi commemorativi e d'artificio per i festeggiamenti del 1° agosto 2017 [www.ti.ch/incendi-boschivi]
25.07.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato un nuovo dossier sulla caccia e pesca in Ticino
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
03.07.2017
Quinto/Cascina Rosserrora - coordinate 696/150 - Predazione 1 capra
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Loretta Napoleoni
Il Califfo capitola
ma non all'estero
Loretta Napoleoni
Chi è
Esperta di economia internazionale e terrorismo. Ha pubblicato vari libri; l'ultimo uscito è 'Democrazia vendesi'.
Tre estati fa, in una battaglia storica, lo Stato islamico conquistava Mosul e annetteva al Califfato una grossa fetta dell’Iraq. Realizzava così parte del suo sogno politico: creare una nazione nuova in Iraq. Già, poiché l’anima dell’Isis è fortemente irachena, anche se per farla sbocciare si è dovuto attraversare il confine disegnato da francesi ed inglesi per andare a combattere in Siria una guerra per procura al soldo dei Paesi del Golfo. Oggi quello Stato in Iraq non esiste più, le truppe del Califfato sono state ricacciate indietro ed hanno dovuto ancora una volta attraversare il tanto odiato confine tra Siria ed Iraq.
È chiaro dunque che la sconfitta di Mosul pesa come un macigno sulla coscienza di chi è alla guida di ciò che rimane dello Stato islamico. Una sconfitta che simboleggia l’inevitabile declino del fenomeno Isis ma che allo stesso tempo può diventare la motivazione per cui il sogno nazionalista dei jihadisti iracheni non svanirà neppure di fronte alla sconfitta militare. In Medio oriente c’è chi dice che l’Isis ha sette vite come i gatti, sicuramente fino ad oggi questa organizzazione ha dato prova di grande resistenza ed immaginazione,  è stata capace di reincarnarsi e rinascere sempre più forte. È successo nel 2010 potrebbe accadere di nuovo.
Fino ad oggi il nucleo centrale e storico dell’Isis è stato in grado di usare stratagemmi e meccanismi nuovi per autofinanziarsi, per allargare il raggio di buttata dell’attività di reclutamento e per riproporre alla nebula del jihadismo una visione rivoluzionaria, nazionalista ed estremamente fondamentalista dell’assetto politico del Medio oriente.
Oggi in Siria ed in Iraq l’Isis si lecca le ferite ma non è morta. Lo Stato islamico ha perso il primato militare e l’hanno costretto ad arretrare, a trincerarsi in un triangolo di terra tra i due grandi fiumi della regione, il Tigris e l’Eufrate, lungo il confine tra la Siria e l’Iraq, in una terra che ironicamente ha dato la vita alla nostra civiltà, l’antica Assiria. A giudicare però dai titoli sulle prime pagine dei giornali del mondo questa debolezza è più che compensata dall’effetto prodotto dal proliferarsi degli attacchi terroristi in Africa, in Asia ed in Europa. Questa settimana è stata la volta del Burkina Faso, dove un commando di jihadisti ha ucciso 17 persone nella capitale, Ouagadougou. Poi è toccato a Barcellona, il primo attentato dalla strage della stazione di Atocha a Madrid nel 2004. Ed ancora il giorno dopo ecco nuovi attentati in Finlandia ed in Germania condotti all’arma bianca, con semplici coltelli. Risultato non si parla più della capitolazione di Mosul, l’Isis è tornata a riempire la prime pagine dei giornali firmando la condanna a morte di decine di civili, ha ripreso a terrorizzare il mondo!
Tutto ciò fa parte di un piano strategico di lungo periodo. Più di un anno fa al Baghdadi, il califfo, lanciò un appello al mondo jihadista in terre straniere incitando i propri seguaci a non correre in difesa del Califfato ma a starsene a casa per pianificare attacchi terroristi a livello locale. Si trattò di una vera inversione a U, fino ad allora il messaggio martellante che aveva raggiunto i potenziali jihadisti stranieri era stato di fare i bagagli e partire alla volta di al Sham, l’antico nome della Siria, per diventare cittadini attivi dello Stato islamico. Il terrorista locale era una professione per chi non aveva i mezzi o il coraggio di imbarcarsi verso la nuova nazione, un’occupazione di seconda categoria.
Con il senno di poi diventa evidente quale fosse il piano d’azione del califfo e dei suoi fedelissimi collaboratori, di fronte all’inevitabile capitolazione in Iraq ed in parte della Siria, l’intensificarsi dell’attività jihadista all’estero avrebbe mantenuto in vita l’ideologia dell’Isis fino a quando le sue forze sarebbero in grado di lanciare un’offensiva militare tanto poderosa quanto quella del 2014. Per ora questa strategia funziona e la risposta incerta dei governi occidentali di fronte alla nuova ondata di terrore in casa loro sembra proprio confermare questa agghiacciante conclusione.

l.n.
20-08-2017 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Boston:
nuovo duello
razzisti
e antirazzisti

Barcellona:
"Ho visto l'orrore
dal mio ristorante
su Las Ramblas"

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch