Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Approcci differenti
...non funzionerà!
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Terrore continuo...
si onora il Ramadan
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il "ciclone Trump"
lascia solo macerie
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
20.06.2017
Pubblicata la statistica finanziaria "i conti dei comuni nel 2015"
14.06.2017
Pubblicato il nuovo sito tematico "Circonvallazione Agno-Bioggio" [www.ti.ch/circonvallazione]
14.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2017
07.06.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 19 giugno prossimo
07.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
06.06.2017
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2016 [www.ti.ch/aria]
02.06.2017
Modifica calendario tiro obbligatorio 2017
02.06.2017
La Documentazione regionale ticinese (DRT) ha pubblicato il nuovo dossier sull’artigianato in Ticino.
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Marino Niola
Chi è
Professore ordinario di Antropologia culturale all'Istituto Universitario S. Orsola di Napoli
È forse inevitabile vedere due facce della stessa medaglia nello tsunami migratorio e nella sequela di attentati di matrice islamica. Avvenimenti drammatici, che stanno mettendo a dura prova la tenuta dell’Europa. E che ci ricordano come, in un mondo comunicante come è il nostro, non ci sono paratie stagne in grado di arrestare l’onda d’urto né di quell’esodo biblico ampiamente preannunciato, né di questi massacri.
È pure inevitabile che, ancora una volta, lo "straniero" diventi il grande fantasma che riassume le mille paure provocate dalla globalizzazione. Una questione, in realtà, antica quanto l’Occidente, già scritta a chiare lettere nel vocabolario delle grandi civiltà mediterranee. Come quella dell’antica Grecia, che designava con uno stesso termine, "xenos", lo straniero e l’ospite. E come quella romana che invece chiamava col medesimo nome, "hostis", sia lo straniero, sia il nemico. Dalla stessa radice deriva anche "ostico", cioè difficile; corretto per definire una questione spinosa. Due parole, due sfumature della stessa questione. Giusto per ribadire che il rapporto con l’altro che bussa alla nostra porta può oscillare tra un estremo ospitale e un estremo ostile. In questo modo gli antichi sottolineavano la necessità dell’accoglienza, ma al tempo stesso non ne nascondevano la problematicità. Allo stesso modo mostravano di sapere bene che, fra l’accettazione incondizionata e il rifiuto altrettanto incondizionato, si apriva lo spazio dello scambio, della mediazione, dell’integrazione, ma anche della regolamentazione. Lo spazio delle leggi e della civiltà che, ora come allora, restano le uniche dighe in grado di impedire che l’ondata migratoria divenga inarrestabile. E quella xenofoba incontrollabile.
La questione oggi non a caso è ostica, perché è politicamente appunto ostica da affrontare. Al punto da mettere a dura prova la tenuta della nostra civiltà, delle civiltà occidentali. Perché è anche su questo, su questa capacità, che si finisce per misurare la nostra democrazia. Non possiamo però nasconderci che tutti questi "avvenimenti" stanno mettendo a dura prova la nostra capacità di resistere. Nel senso che dobbiamo chiederci fino a che punto, fino a quante spinte può resistere la democrazia senza andare in sovraccarico? È esattamente come una capacità elettrica, che quando è sottoposta ad una carica eccessiva, che non riesce a contenere, a deviare, a trasformare, alla fine non può che fondere. Noi stiamo correndo questo pericolo, perché per un verso c’è questa tremenda onda d’urto esterna, e dall’altro un’onda d’urto interna, una contro-onda provocata dalla stessa onda esterna. Ed è quella xenofoba che monta, e prende sempre più forza dall’interno.
La politica dell’accoglienza è, e resta, una necessità. Ma non può essere un’accoglienza incondizionata. Non penso affatto che questo nostro impegno, o se vogliamo, queste "regole d’ingaggio", debbano essere così illimitate. Regole che in parte sono legate ai presupposti fondamentali della nostra civiltà, dall’apertura alla salvaguardia dei diritti umani. Ma nello stesso tempo siamo in un momento in cui queste regole, e anche queste libertà che concediamo a noi stessi e agli altri, stanno entrando in rotta di collisione con un’altra esigenza, non meno fondamentale: quella della sicurezza. C’è chi sostiene che nulla, comunque, potrebbe metterci al riparo dall’imponderabile, che siamo comunque e ovunque vulnerabili rispetto ad atti terroristici come quello di Nizza. Se non vivendo in uno stato di guerra, militare. È pur vero che anche nelle più spietate e ferree dittature militari le possibilità di compiere attentati non sono mancate e non mancherebbero; anche se certo li renderebbe più difficili da eseguire.
Però il vero problema è un altro, ed è dato dal fatto che il Vecchio Continente rischia comunque di avere una brusca sterzata, una deriva xenofoba generale. Ed è una deriva che sta progressivamente conquistando anche i suoi cittadini politicamente più moderati. Perché non c’è niente, come la paura, che abbia più potere di spingere verso soluzioni di questo tipo. È un brutto termine, ma chiamiamole pure "scorciatoie" che buona parte della popolazione – à la guerre comme à la guerre – è comprensibile sia tentata di percorrere. L’idea comune diventa: almeno proviamo, proviamo a difenderci. Perché un altro problema è dato dal fatto che, oggi, i cittadini non si sentono affatto difesi. Le grandi libertà che stiamo vivendo, e diciamolo fino in fondo, sono in realtà libertà economiche. Che servono soprattutto a garantire la libera circolazione delle merci più che delle persone. Le persone sono un’appendice delle merci, una "clausola" obbligatoria. Ed è quello che l’opinione pubblica, anche se confusamente, oggi comincia a percepire. Il timore, per nulla ingiustificato, è che in fondo la sicurezza delle persone sia un optional: l’importante è che le merci continuino a circolare indisturbate. Continuano sì a sentire i potenti dell’Occidente dire "siamo in guerra", ma finora si sentono vittime di un conflitto a senso unico, al quale non partecipano. Probabilmente le ragioni per cui la lotta al Califfato non sia stata, com’era nelle cose, rapidamente risolutiva sono molte e ci sfuggono. Eppure la soluzione militare è sempre possibile con una chiamata in correo degli alleati o presunti alleati.
Non illudiamoci, però, di assistere ad una "fatwa", una netta condanna da parte delle comunità islamiche a questi gruppi che uccidono in nome di dio. Dichiarazione d’intenti che non c’è e non ci sarà mai. Basta assistere a un qualunque dibattito per constatare come questi cosidetti esponenti di un Islam moderato non arrivano mai, nelle loro dichiarazioni, ad un giudizio netto. Ma stemperano i ragionamenti in mille distinguo, costruiscono un labirinto di ragioni. Forse perché, e sono in molti a pensarlo, non esiste un Islam moderato.
17-07-2016 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Cina:
centinaia
di dispersi
per slavina

Iraq:
morta
giornalista francese
ferita a Mosul

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch