Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

MOSTRA di Claudio Guarda
L’erudita ricostruzione
di un mondo ideale
Claudio Guarda


Archeologo, nonché grande storico dell’arte, J.J. Winckelmann (1717-1768) e A.R. Mengs (1728-1779), anche lui tedesco e pittore, sono i due grandi iniziatori del Neoclassicismo settecentesco. Con opere fondamentali di teoria e di analisi quali "Pensieri sulla bellezza e sul gusto nella pittura", scritta da Mengs nel 1762 e la celebre "Storia dell’arte dell’antichità" del 1767, opera ultima di Winckelmann, edita a Dresda un anno prima della sua morte, in contemporanea con il ponderoso volume dei "Monumenti antichi inediti" pubblicato a Roma addirittura a sue spese. E proprio su quest’opera di dotta erudizione e meticolosa raffigurazione si concentra la rassegna in corso al m.a.x museo di Chiasso.
Prima di entrare nel merito della rassegna, però, vale la pena di ricordare - in tempi come i nostri - che il Neoclassicismo di cui parliamo (a differenza di altri celebri ritorni al mondo classico, vedi il Rinascimento) rappresenta la conclusione di un lungo processo iniziato nel Cinquecento e perdurato fino a metà Ottocento, in cui, non gli "italiani", ma le anime colte del continente europeo scoprono e assumono come proprie le lontane nobili radici dell’antichità greco-romana. Il Neoclassicismo di cui ci occupiamo, quindi, altro non è se non il punto di arrivo di una lunga elaborazione di identificazione e specchiamento, incrementata da importantissimi ritrovamenti e scavi archeologici come quelli connessi alla riscoperta di Ercolano e Pompei tra il 1738 e il 1765.
L’intera produzione scritta del Winckelmann in questo senso diventa un punto di riferimento esemplare. Uomo di cultura enciclopedica, egli non contribuisce solo a determinare un gusto che poi si diffonde in tutta Europa, ma trova proprio nel mondo antico i fondamenti per una teorizzazione dell’arte come storia ed estetica fondate sulla rigorosa classificazione e lettura dei reperti archeologici e come erudita ricostruzione di un mondo ideale. A 300 anni dalla sua nascita il m.a.x museo gli rende omaggio con un’ampia esposizione dove, accanto alle oltre duecento grafiche dei "Monumenti", figurano manoscritti, matrici in rame e reperti archeologici provenienti dal Museo archeologico nazionale di Napoli, che accoglierà poi questa stessa rassegna.
26-02-2017 01:00


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin