Dello stesso autore
di 0
IL DOSSIER


Le carte segrete
dello scandalo Argo1
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
S'investa sui migranti,
una fantastica risorsa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I nuovi pirati del mare
sono gli scafisti armati
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Terrore continuo...
si onora il Ramadan
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Europa dia più soldi
per aiutare i migranti
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nei menù si trova
la civiltà del domani
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
20.07.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2017
18.07.2017
Giornate informative obbligatorie 2017
07.07.2017
Aggiornato l'elenco dei tecnici riconosciuti della polizia del fuoco [www.ti.ch/edilizia]
30.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2016
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2017
26.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2017
23.06.2017
L'Ufficio dei lavori sussidiati e degli appalti ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
20.06.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2017
20.06.2017
Pubblicata la statistica finanziaria "i conti dei comuni nel 2015"
14.06.2017
Pubblicato il nuovo sito tematico "Circonvallazione Agno-Bioggio" [www.ti.ch/circonvallazione]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Ritanna Armeni
Chi è
Giornalista, scrittrice e conduttrice tv. Il suo ultimo libro è "Parola di donna"
Tutto è cominciato qualche mese fa quando Matteo Renzi, parlando del referendum, ha dichiararato: "Se perdo me ne vado, abbandono la politica." Il premier probabilmente voleva solo enfatizzare l’importanza dell’appuntamento referendario o si era lasciato andare, come spesso gli accade, ad un atteggiamento teatrale ed esibizionistico. Il suo è stato comunque un errore fatale. Da quel momento il significato della campagna referendaria è stato segnato. Il sì e il no non saranno dati alla riforma costituzionale, al nuovo Senato, al meccanismo di formazione delle leggi, ma al governo Renzi, alla sua capacità di guidare il Paese fuori dalla crisi. La domanda vera cui gli italiani risponderanno il 4 dicembre sarà: "Vuoi ancora Renzi premier?"
Può darsi che Renzi ce la faccia. Che il sì vinca. E in questo caso la sua sarebbe un’affermazione straordinaria che consentirebbe al premier di arrivare al termine della legislatura o di andare a elezioni politiche con la concreta speranza di un’ondata di consensi se non proprio simile a quella che, alle elezioni europee l’ha portato a oltre il quaranta per cento di voti, comunque significativa. Sulla carta è per il no al referendum una parte consistente del Paese. Voteranno perché Renzi torni a casa sicuramente gli elettori del Movimento 5 stelle oggi in Italia la più forte opposizione politica al governo, quella che, nel caso passasse la nuova legge elettorale con relativo ballottaggio, contenderebbe il primo posto al Pd. Vota contro il premier la maggior parte del centrodestra che, dopo l’uscita di scena di Berlusconi è diviso e senza leadership, ma si ritrova unito  nell’opposizione  al governo. Ha dato indicazione per il no la Cgil, il maggiore dei sindacati, che non perdona al premier l’indifferenza se non il dileggio dimostrato nei confronti delle organizzazioni dei lavoratori. Si sono pronunciati contro la riforma anche illustri costituzionalisti. Il raggruppamento di più leggi in una - affermano -  riduce sensibilmente il ruolo del Parlamento, dà eccessivi poteri all’esecutivo e, quindi, al presidente del Consiglio, restringe di conseguenza i livelli di democrazia del Paese. E, infine, il premier raccoglie l’opposizione di una parte consistente del suo partito a cominciare dagli ex segretari Bersani, Epifani e D’Alema, avversari da sempre del "renzismo" cioè di quelle idee-forza del segretario in gran parte estranee a una sinistra che (almeno a parole) è rimasta legata a una concezione "tradizionale" del partito, dei suoi rapporti con la base, con gli alleati, con il governo. L’opposizione interna non perdona  la "rottamazione" dei quadri e dei dirigenti,  stella polare dei primi atti politici di Renzi segretario, la personalizzazione della politica a livelli berlusconiani, l’occupazione dei posti di potere senza mediazioni, la rottura coi sindacati, il disprezzo non nascosto verso valori e liturgie della sinistra.
Se vincesse il no, che cosa accadrebbe? Renzi si dimetterebbe o  cambierebbe idea? Oppure si limiterebbe ad andare al Quirinale per ricevere un nuovo mandato e per fare un rimpasto dell’esecutivo? E quale sarà l’atteggiamento del capo dello Stato?  E poi ancora: come evolverà nel Pd il dibattito interno? La sconfitta di Renzi porterà  alle elezioni di un nuovo segretario? E chi sarà? Sono tante le domande che si pongono. Ma per il momento rimangono chiuse nelle segrete stanze della politica. Mentre il tono dello scontro è già al calor bianco, tanto da far formulare al presidente della Repubblica un invito ad abbassare i toni.
16-10-2016 01:00


La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

G20:
corteo pacifico
contro
le violenze

Ankara-Istanbul:
opposizione
in marcia
per la giustizia

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch