Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

STORIE di Clemente Mazzetta
Immagini articolo
"Tra gavetta e cimiti
sono diventato attore"
Clemente Mazzetta


La volontà nella vita è tutto. Lo è per Therence Schweizer, un ragazzone alto e magro di Lugano (nato a Basilea), che a 19 anni, dopo essersi diplomato disegnatore edile alla Spai di Trevano, ha deciso di fare l’attore. Ma non a Lugano o a Basilea. E neppure a Roma. Direttamente a Hollywood. Negli States. Dove nel 2017 è stato preso per il cortometraggio "I tetti della mia città" e nominato miglior attore dalla Top Indie Film Awards e l’anno dopo ha partecipato ad una produzione teatrale per interpretare un soldato tedesco ("Upstander Bystander"). "Sono sbarcato a Los Angeles a 19 anni - racconta -. Parlavo poco e male l’inglese. L’unica esperienza di recitazione che avevo era stata  uno spettacolo teatrale muto alle elementari". Nella sua fantasia di ragazzo pensava che gli sarebbe bastato bussare a Hollywood, per farsi aprire le porte scintillanti dello star system. Aveva detto alla famiglia che voleva perfezionare l’inglese, soggiornare alcuni mesi negli Usa. "Una scusa. Volevo solo inseguire il mio sogno. Che poi rivelai, con un po’ d’apprensione a mio padre, l’anno dopo. Arrivato negli States mi guardai in giro e inondai di email tutte le migliori agenzie di recitazione. Nessuno mi rispose. Non mi persi d’animo. Sapevo che la prima cosa da fare era lavorare sul mio accento. Così decisi che non avrei parlato né tedesco né italiano con nessuno".
Dopo i primi sei mesi in una famiglia, rinfrancato nella lingua, cominciò a prendere lezione alla Beverly Hill Playouse. "Ci andavo due volte alla settimana, di sera". La scuola non è poca cosa, vi si sono diplomati personaggi come George Clooney, Jim Carrey, David Carradine. "Fu un periodo intenso. Con due amici adocchiammo una casa in affitto. Ci costava un occhio della testa, sui duemila dollari, anche se si rivelò piena di cimici". L’esperienza fu utile. "Non solo imparai le basi fondamentali della recitazione, ma anche a cucinare, con piena soddisfazione dei miei amici. Niente di troppo complicato. Ero specializzato nel pollo fritto".
Intanto Therence frequenta la Community College di Santa Monica: "Mi armai di coraggio e mi presentai ai primi provini in cerca d’ingaggio. Presi anche qualche fregatura. Come quando mi iscrissi ad un’agenzia di recitazione e moda di alto livello pagando un bel po’ e scoprendo poi che queste agenzie vivono sulla percentuale del lavoro che procacciano agli attori. E quindi non vanno mai pagate prima".
Economicamente lo sosteneva la famiglia. "Ma mi cercai qualche lavoretto. Come cameriere. Poi in una compagnia di catering. E ovviamente feci qualche dollaro con le prime parti di attore. Ho pure sfilato come modello per una nota marca italiana a New York". Dove, persa la battaglia con le cimici, si era trasferito per iscriversi  alla "Lee Strasberg Theatre & Film Institute", scuola che insegna il metodo introspettivo, diventato famoso con attori come James Dean e Al Pacino. "Si impara ad accedere alle emozioni più intime, a richiamare i ricordi emotivi", spiega Therence. Lì ha come mentori personaggi come George Loros, insegnanti come Geoffrey Horne, attore ne Il ponte sul fiume Kwai. "Dopo essermi diplomato ho iniziato a lavorare". E siccome da cosa nasce cosa "sono stato preso per una serie tv. Le puntate sono state trasmesse sul canale Travel Channel. Ho anche partecipato ad uno spot di un’agenzia internazionale per promuovere il turismo in Svizzera".
Fra le esperienze, lo spettacolo interattivo (Vampyre’s Lair) in un castello di proprietà della Guggenheim, dove sono state filmate centinaia di produzioni hollywoodiane. "Politici e personalità del mondo della finanza sono venuti a vederci".
Adesso è tornato a casa. Ma ripartirà quanto prima. Destinazione Broadway. Ovviamente.

cmazzetta@caffe.ch
14-04-2019 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur