Altri articoli
di 0
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

STORIE di Andrea Bertagni
Immagini articolo
"Col Merlot Ronco 2016
guardiamo al futuro"
Andrea Bertagni


Non è un successo mio, ma di tutta la squadra". Nicola Caimi, 39 anni, enologo di Ligornetto, è modesto e realista allo stesso tempo. Perché se è vero che il "Ronco 2016" ha qualche settimana fa vinto, a Berna, il premio per il miglior Merlot svizzero, è anche vero che il riconoscimento è frutto di un lavoro che l’Azienda cantonale di Mezzana porta avanti da più di dieci anni. Con in testa Caimi, che in gioventù andava forte in atletica, sulla corta distanza, quando indossava i colori della Vigor e, dice, sbaragliava tutti sugli ottanta metri. "Il grosso lavoro - spiega Caimi - è fatto in vigna, su un terreno che gode di una posizione formidabile, a Balerna e a Coldrerio. Ma se non si cura la terra, se non si fa attenzione, ad esempio, agli accessi d’acqua e a tanti altri elementi... ecco, un buon vino non lo si farà mai". Di un’altra cosa Caimi è certo. "Il Ronco è frutto di un grosso lavoro: dedichiamo cure amorevoli all’uva, la lasciamo riposare, dopo aver raccolto solo i grappoli più piccoli, tanta buccia e poco succo, insomma".
Stesso discorso in cantina, dove la fermentazione è lunga. "L’annata 2016 ha maturato per un mese, poi è stata affinata in botti di rovere da 225 litri per un anno". Una lentezza e una pazienza che alla fine hanno pagato. "Sì, il riconoscimento è l’ultimo di molti altri premi e medaglie ricevute dal Ronco", dice Caimi. Un vino che si presenta di un rosso granato carico, tendente al porpora. Con un sapore franco ma morbido all’attacco, delicato, equilibrato. Un nettare realizzato con cura maniacale, fatta di dettagli e passione, che si trasforma ogni anno in circa 3.500 bottiglie vendute. "Facciamo vendita diretta e lavoriamo con alcune enoteche e con un grossista", spiega Caimi.
La sua passione per l’enologia in realtà è arrivata dopo l’adolescenza. "Anche se mi è sempre piaciuto lavorare la terra, pur non essendo figlio di contadini. Agricoltore era il nonno, aveva una piccola vigna e questa vicinanza mi ha fatto fare un certo percorso di studi". Particolare non da poco, Caimi si piazza al primo posto anche tra i migliori diplomati alla scuola di ingegneria di Changins, nel canton Vaud. Quasi un predestinato, insomma. Che più che al passato, guarda al futuro. Ai progetti che verranno. "Il nostro obiettivo principale è quello di poter garantire la stessa qualità a costi accessibili. Non puntiamo all’esasperazione delle coltivazioni, altrimenti i nostri prodotti diventerebbero invendibili. Tutti i nostri sforzi andranno insomma verso la sostenibilità".
Si inserisce in questo senso la lavorazione in vigna che già oggi è il più possibile rispettosa dell’ambiente e del prodotto. "Abbiamo eliminato dal 70 all’80% la chimica", precisa l’enologo. Che ha progetti già definiti: "Punteremo ai bianchi. Vogliamo dimostrare di essere capaci anche in questo filone, sebbene rispetto al Merlot, che ha compiuto un secolo da quando è stato impiantato in Ticino, abbiamo perso alcuni anni".
Ciò significa percorrere anche strade non per forza semplici. Come quella degli spumanti. "Adesso vanno molto di moda, non siamo obbligati ad orientarci sul metodo classico".
Un altro progetto è quello di un vino dolce. "Che appassiamo direttamente in vigna". Nessun ribaltone, dunque. O fughe azzardate. "Preferiamo fare piccole cose, un passo alla volta e soprattutto senza troppo clamore. Per ora vogliamo semplicemente tracciare delle linee: se funziona meglio, altrimenti faremo dei correttivi". Un passo dopo l’altro, ribadisce. Che, per il momento, a Caimi e all’Azienda cantonale di Mezzana hanno dato moltissime soddisfazioni.

abertagni@caffe.ch
09-12-2018 01:00

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata