Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'economia malata
cambierà la società
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

DIARIO di Giuseppe Zois
L'illusione di tenere
tutto sotto controllo
Giuseppe Zois


Caro Diario,
respiriamo tutti quest’aria ammorbata dal "coronavirus" e appesantita dagli interrogativi che ciascuno a modo suo si pone. Nella gragnuola di argomenti che ci passano per la testa, ancora non riusciamo a vedere bene la linea di confine - quella c’è, e la stiamo intravedendo - tra ieri e domani. Sono in molti a chiedersi se gli stili di vita che avevamo, cambieranno davvero, come suggeriscono molti addetti ai lavori, specialmente quelli che agiscono sulla psiche e sui comportamenti. Oppure se, recuperata la libertà, torneremo alle abitudini e, soprattutto, ai passatempi di prima. Costretti a perimetri claustrali, già tornare a quel "prima" che talvolta ci annoiava, pare un sogno.
DI CATACLISMI l’umanità ne ha passati un’infinità: tsunami, terremoti, ebola, aviaria. Chernobyl fu definito dal TG sovietico "il più grave incidente nucleare mai accaduto al mondo". Poi ci furono le Torri Gemelle con quel che seguì. Non sono mai mancate le guerre. Quasi puntualmente, dopo ogni catastrofe, si è detto che si sarebbe dovuto girar pagina, riscoprendo taluni aspetti (o modi): il campionario anche qui è vasto. Difficile stabilire se ci sarà un Rubicone, dove sarà e cosa significherà - in termini di responsabilità - varcare quel fiume, metafora di un passaggio con relative implicazioni e/o conseguenze.
ALCUNE SCUOLE di pensiero sostengono che questa è un’Apocalisse epocale e che, dopo il morbo oscuro ci sarà il flagello chiaro di un’economia che drenerà miliardi. Ma non si muta pelle all’improvviso, per magica catarsi. È più che prevedibile un esteso ravvedimento dopo un ciclone della forza di quello che stiamo subendo, con contagiati su scala globale, sistemi sanitari in alta emergenza permanente, migliaia di morti. Non è una tempesta, pur distruttiva, che però finisce e subito dopo torna il sereno, spunta l’arcobaleno e la vita riprende il suo ritmo, pur con i danni ai quali rimediare.
DOPO IL "COVID-19" resterà tutto uno strascico di inquietanti dubbi: ad esempio se il virus, una volta debellato, sarà per sempre oppure se potrà di nuovo infettare. Chi può rispondere oggi, visto il quasi nulla che si conosce di questo nemico che abbiamo imparato a definire invisibile e ignoto? Ci fosse una vulnerabilità di ritorno, in attesa di un vaccino per il quale si prevedono mesi di ricerche, di laboratorio e di test, bisognerà imparare a convivere con paure e angosce come scomode e indesiderate compagne.
SIA COME SIA: in ogni modo mutar vita non è come cambiare un vestito. Dovremo lasciare molte illusioni. E imparare che l’intelligenza, pur con i suoi molti contenuti, non è sempre la garanzia di tutto.
29-03-2020 01:00


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00