Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio



LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
Lei un invalida?
Ma è sui social!
Franco Zantonelli


Farsi ridimensionare la rendita invalidità per eccesso di tweet. È quello che è capitato a una 55enne ex prostituta del Canton Argovia, in invalidità per forti mal di testa. In seguito ai quali la donna intascava 708 franchi al mese. Ma la cefalea, a quanto pare, mal si combina con lo smanettare sui tasti di un computer o di un telefonino.
Dal 2011, data della sua iscrizione a Twitter, l’invalida ha cinguettato 62mila volte. Addirittura il doppio di Donald Trump il quale, però, si era iscritto al social network tre anni prima. Fatto sta che, grazie ad alcuni vicini di casa, che hanno segnalato l’eccesso di tweet  della donna, l’Ai è intervenuta e la rendita è stata dimezzata.

***
Da che Paese viene lo spacciatore? A Zurigo non si può più dire. La polizia cittadina ha, infatti, ricevuto la proibizione di rivelare la nazionalità delle persone arrestate. Un provvedimento che arriva al termine di un dibattito che ha impegnato il Consiglio comunale per due anni. A sollecitarlo Verdi e socialisti, secondo i quali fornendo l’origine di chi finisce in manette, si rischia di criminalizzare intere popolazioni. Una decisione ideologica che sa di censura, denuncia l’Udc.
Fatto sta che, mentre noi ci balocchiamo con questi distinguo, altrove vanno molto meno per il sottile. Negli Stati Uniti, ad esempio, chi è stato condannato per pedofilia si ritrova, grazie a una legge voluta dall’amministrazione Obama, con un bollino rosso sul retro del passaporto. Senza dimenticare l’esistenza di registri statali dei pedofili, consultabili a titolo preventivo da chi vuole andare ad abitare, con i propri figli, in un nuovo quartiere.

***
È come una lettera scarlatta appuntata sul petto la raffica di accuse di violenza sessuali e di molestie, piovute addosso a Tariq Ramadan. Il fine studioso dell’Islam, coccolato dai salotti di una certa borghesia intellettuale, sta facendo la fine di un qualsiasi Weinstein. Peggio! Non essendo né un produttore cinematografico né un attore di serie tv, qualcuno per intenderci da cui ci si potevano aspettare certi comportamenti, e che finirà per risollevarsi, Ramadan si ritrova prigioniero di un personaggio che tutto poteva permettersi di essere, meno che un molestatore di ragazzine.
Per anni ha saputo interpretare l’interesse di molti occidentali a guardare al di là dei luoghi comuni, sul mondo musulmano. Oggi è come se ce lo ritrovassimo tra la marmaglia di assatanati di piazza Tahrir, al Cairo.
19-11-2017 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe