Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

I figli della provetta
compiono 40 anni
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La sfida masochista
dei partiti di sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il populismo di Erdogan
sulla strada per l'Islam
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE PAROLE di Franco Zantonelli
Immagini articolo
La sfida masochista
dei partiti di sinistra
Franco Zantonelli


In Ticino l’estrema sinistra si sta cimentando in un’impresa degna di Enrico Fermi: la fissione dell’atomo. Come commentare, altrimenti, la rottura, a meno di un anno dalle elezioni, consumatasi in luglio, tra due micro-partiti: i comunisti e il Movimento per il socialismo.
Rottura originata da un duro j’accuse di Pino Sergi nei confronti dei "ragazzotti", così li ha definiti, del Pc ticinese. "Oggi questi ragazzotti - denuncia il leader dell’Mps - propagandano un regno dello sfruttamento come la Cina o un Paese prigioniero di una dinastia di pazzi quali la Corea come esempi di socialismo e comunismo realizzato". Se il Ticino avesse una sua politica estera, la reprimenda "sergista" potrebbe starci. Tuttavia non dimentichiamoci che stiamo parlando delle cantonali. In realtà il vero motivo dell’irritazione di Sergi nei confronti dei comunisti è l’accusa di vivere all’ombra del Ps. Insomma, vai con l’atomizzazione.
***
"I figli…so’ pezzi e core", dicono a Napoli. L’affermazione, a leggere l’Espresso, calza a pennello per Marcello Foa il cui figlio lavora nello staff di Matteo Salvini. Un giovane laureato e poliglotta, spergiura il padre. Fatto sta che, nei paesi latini, non solo in Italia, è un’abitudine parecchio diffusa quella di approfittare di un ruolo di rilievo, nella pubblica amministrazione, per ritagliare delle posizioni anche per il parentado.
Un’abitudine da cui non si salva quasi nessuno schieramento politico. Il caso, tanto per fare un esempio, di Bianca Berlinguer. Secondo il defunto presidente Francesco Cossiga fu lui a farla assumere alla Rai. Cossiga, vale la pena ricordarlo, era cugino di Enrico Berlinguer, padre di Bianca. La quale, ha sempre smentito la "spintarella". Ma cos’altro poteva fare? Poi, se facciamo un salto dalle nostre parti, non possiamo non prendere atto dell’esistenza di parecchi "figli di". Almeno nel settore pubblico e para-pubblico. Che si tratti di sovranisti, centristi, goscisti e altri… isti.
***
Dove è finita la metà delle 1.633 tonnellate di burro svizzero, esportate nel 2017? A quanto pare in Arabia Saudita. E fin qui non c’è niente di male! Il problema, se mai, si pone quando si scopre che i sauditi, che non vivono in un Paese in via di sviluppo, pagano il burro elvetico a un prezzo che è la metà di quello praticato da noi. Ovvero la metà di 10,80 franchi al kg.
Con il risultato che la Confederazione perde 5’000 franchi, su ogni tonnellata di burro esportato. Il tutto nasce dall’eccessiva produzione di latte e, di conseguenza, dei suoi derivati, che hanno reso saturo il nostro mercato. E soddisfatti i sauditi che ottengono la miglior qualità al miglior prezzo.
12-08-2018 01:00

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Romania:
scontri e feriti
nel corteo
anticorruzione

La Nasa
lancia "Parker",
la sonda
verso il Sole