Altri articoli
di 0
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il mercato milionario
che finanzia la Jihād
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I cyber guerrieri
alla guerra di Putin
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Libere di essere
mamme e lavoratrici
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il trionfo dei cibi
prêt-à-manger
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca



ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.02.2017
Concorso per la nomina di vicedirettori/vicedirettrici delle scuole medie superiori
17.02.2017
Il Cantone Ticino dispone di un rating ufficiale pubblico Aa2 outlook stabile, assegnato dall’agenzia Moody’s Public Sector Europe.
15.02.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, gennaio 2017
10.02.2017
Rapporto d'attività 2016 della Sezione del lavoro
09.02.2017
Sono aperte le iscrizioni ai corsi maturità professionale MP2
07.02.2017
Concorso per funzioni di direzione e di vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2017/2021
02.02.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 2 febbraio 2017 alle ore 20:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
02.02.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 14 febbraio prossimo
18.01.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2016
12.01.2017
Newsletter DFP Ticinoinformazione - edizione dicembre 2016
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

L'EDITORIALE di Lillo Alaimo, Giò Rezzonico
Immagini articolo
Una protesta "bianca"
per la libertà di stampa
Lillo Alaimo, Giò Rezzonico


È possibile negli anni Duemila operare una paziente, asportandole i seni, e a intervento concluso accorgersi di aver operato la paziente sbagliata? È possibile ed è accaduto solo due anni e mezzo fa alla Clinica Sant’Anna di Sorengo.
È possibile cercare di capire come sia potuto accadere un simile errore e quale organizzazione e quale sicurezza siano garantite ai pazienti in una nazione che spende oltre 70 miliardi l’anno per la sanità? No, forse non è possibile tentare di comprendere e comunque non è possibile farlo attraverso un’inchiesta giornalistica come nei mesi scorsi ha fatto il Caffè.
La magistratura, dando tempestivamente seguito ad una denuncia della clinica, poco prima di Natale ci ha comunicato di aver concluso l’inchiesta e la decisione di voler processare in aula penale quattro giornalisti della nostra testata: il direttore responsabile, il vice direttore, il capo redattore e una giornalista. Tutti chiamati a rispondere dell’accuse di diffamazione e concorrenza sleale. Una prima svizzera sul fronte giudiziario, ma soprattutto un segnale preoccupante per la libertà di stampa. Un segnale preoccupante per quelle poche "isole" ormai rimaste di giornalismo d’inchiesta. Un segnale preoccupante specie in una piccola realtà come quella ticinese in cui la pluralità di informazione va salvaguardata a tutti i costi.
Da qui la nostra amarezza. Da qui la nostra protesta. Da qui questa prima pagina significativamente bianca. Senza alcuna notizia, come alcuni "poteri forti" pretenderebbero.
Un’inchiesta giornalistica svolge un ruolo di servizio pubblico. Ed è cosa diversa da quella della magistratura che di una vicenda ricerca responsabili e responsabilità penali. Al giornalismo, per quanto scomodo e indigesto possa essere ai poteri, occorre garantire autonomia e libertà. Querele e processi penali non sono altro che censure e intimidazioni. E a questo proposito la Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) non ammette alcuna restrizione alla libertà di espressione, sia nel dibattito politico sia su temi di interesse generale, come indubbiamente sono salute e sanità.
Non solo. Secondo la Cedu le sanzioni penali, per quanto lievi, hanno un effetto dissuasivo inaccettabile e rischiano di compromettere la funzione di promotore del dibattito democratico che è proprio della stampa.
Al Caffè non sono addebitati né errori né imprecisioni su quanto pubblicato.
Ogni riga, ogni parola di quanto scritto corrisponde a verità. Paradossalmente il giornale è ritenuto colpevole di aver pubblicato non uno, non due, non tre... ma più servizi sulla vicenda, una vicenda per altro lontana dalla parola fine. L’inchiesta penale - che vede per ora come unico responsabile il chirurgo che operò - non è ancora terminata. Più e più supplementi di indagine sono infatti stati richiesti dalla difesa del medico, chiamando così in causa l’intera organizzazione della clinica.
Come è possibile che l’errore di una sola persona, il chirurgo, possa aver determinato un simile disastro? Quali sono i sistemi di sicurezza - vale a dire le procedure di identificazione del paziente e della parte da operare - a cui le strutture pubbliche e private dovevano e devono attenersi? Chi è attorno al nostro lettino operatorio quando, sotto sedazione, siamo pronti per un intervento? Che formazione devono avere le persone addette alla sala operatoria? Quali controlli svolge l’autorità di vigilanza sanitaria e quali i risultati?
Domande legittime. Interrogativi doverosi che nell’inchiesta del Caffè, in parte hanno trovato risposta ma in parte no o, comunque, non in modo esaustivo e convincente.
Eppure si tratta di temi e problemi di grandissimo interesse pubblico, vale a dire la salute e le strutture sanitarie pubbliche e private a cui i cittadini si affidano sborsando mensilmente e obbligatoriamente centinaia di franchi per l’assicurazione malattia. E la Sant’Anna, oltre tutto, riceve annualmente 13 milioni di finanziamenti pubblici.
Riteniamo che un giornale non debba limitarsi a rendere conto di comunicati e conferenze stampa. Crediamo che sia compito di una testata cercare di portare alla luce ogni risvolto di una vicenda, di un problema, di un fenomeno..., rendendolo di facile comprensione per i lettori e, soprattutto, mostrandone le cause e le possibili soluzioni.
Difendiamo quindi, non solo la “nostra” libertà ma quella dei cittadini di avere una stampa capace di indagare ponendo domande scomode alle istituzioni, ai poteri forti, siano essi dell’economia che della politica che della magistratura.
Questo giornalismo riteniamo sia un antidoto agli abusi e ai soprusi. Una sentinella al servizio dei cittadini.
Oggi però per i gravi fatti accaduti alla Sant’Anna, sotto inchiesta penale sono finiti un chirurgo e, incredibilmente, quattro giornalisti che hanno cercato di capire, senza per altro aver pubblicato alcun errore, come quelle cose siano potute succedere.

alaimo@caffe.ch
gio@rezzonico.ch
08-01-2017 01:00
La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »









Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

“Muro umano”
in Messico
per protestare
contro Trump

Luci ai semafori
per salvare
chi usa troppo
gli smartphone

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch