Altri articoli
di 0
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
30.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2019
27.08.2019
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2018
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Per ora fare il pieno
costerà a tutti di più
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

NUMERI di Loretta Napoleoni
Se le riserve bancarie
creano poi instabilità
Loretta Napoleoni


L’eccessivo indebitamento da parte dello stato crea fenomeni inaspettati. Negli Stati Uniti questa settimana il tasso del repo (il mercato dove le banche si prestano denaro in cambio di titoli) è schizzato al 10 per cento. Per comprendere la serietà del fenomeno basta ricordare che il tasso repo si aggira intorno al 2 per cento. Il motivo dell’impennata non è specificatamente la carenza di liquidità della banche ma il basso livello delle riserve bancarie delle stesse. Dove sono finite? La risposta è semplice, le banche primarie, quelle che sottoscrivono il debito pubblico acquistando titoli del tesoro che poi piazzano tra la clientela o presso altre banche. Le banche primarie sono obbligate ad acquistare le nuove emissioni di titoli, e dato che ce ne sono state molte si sono prosciugate le riserve.
La Riserva federale di New York è dovuta intervenire, ha indetto non una ma tre aste, l’ultima ammontava a 75 miliardi di dollari, per acquistare titoli in cambio di contante, che poi è quello che la Banca centrale europea fa da diversi anni. Nel caso degli Stati Uniti però il denaro usato non è stato stampato, il quantitative easing è terminato anni fa e le banche hanno riacquistato i titoli ed il contante usato è stato distrutto dalla Fed. Il denaro usato nelle tre aste non è stato stampato ad hoc, proveniva dalle riserve della Riserva federale.
A contribuire alla riduzione delle riserve è stato anche il rovesciamento del quantitative easing, e dunque il riacquisto dei titoli, ed un’ondata di pagamenti fiscali. Il vero problema è che nessuno sa bene a che livello si trovino le riserve, se la carenza di liquidità nelle casse delle banche è talmente alta da mettere a rischio la stabilità del sistema.
Per non rischiare di ritrovarsi come all’indomani del fallimento della Lehman Brothers, quando il mercato del money market, quello dove le banche si prestano denaro per una notte, si è congelato, forse la migliore soluzione è avere per qualche tempo aste regolari gestite dalla Fed per iniettare liquidità nel sistema. Ma, naturalmente, questo significa che indirettamente le autorità monetarie aiutano il finanziamento del debito pubblico in un momento in cui l’economia americana, almeno sulla carta, cresce.
È chiaro che questa volta il problema è la gestione della cosa pubblica, non il sistema finanziario.
22-09-2019 01:00

La copertina
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Spagna: studiava
per colpire,
arrestato jihadista

Germania, accordo
con il Messico
per reclutare
infermieri

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00