Benessere
Immagini articolo
Il test Hpv per trovare
il tumore all'utero
CRISTINA GAVIRAGHI


Da quando, circa 60 anni fa, è stato introdotto nella pratica clinica, il Pap-test, esame citologico capace di individuare lesioni precancerose in cellule prelevate dal collo dell’utero, ha ridotto drasticamente la mortalità del tumore alla cervice uterina. In questi anni, però, la ricerca ha fatto progressi. Dagli anni ottanta è apparso sempre più chiaro che questa neoplasia deriva principalmente da un’infezione, trasmessa per via sessuale, da virus del Papilloma umano (Hpv), in particolare da due tipi del virus. L’infezione da Hpv è comune, si stima che l’80 per cento di individui sessualmente attivi entri in contatto col virus una volta nella vita, ma spesso è asintomatica e si risolve spontaneamente.
In certi casi, però, può persistere e, se il virus Hpv coinvolto è ad alto rischio oncologico, si può sviluppare una lesione precancerosa che, nel tempo, potrebbe evolvere in cancro. "È ormai chiaro che il test per individuare la presenza di Hpv può migliorare l’efficienza dello screening del cancro alla cervice", dichiara Gayle Shinder oncologa e vice direttrice di Preventive Medicine, una rivista che ha dedicato un numero speciale alla questione, presentando una serie di studi che ribadiscono la maggior sensibilità del test Hpv, rispetto al Pap-test, nella prevenzione del tumore al collo dell’utero. Questo test molecolare riesce a individuare nelle cellule la presenza del Dna virale, lanciando un campanello d’allarme sulla possibile presenza di lesioni precancerose che vanno poi indagate con altre analisi. Sono molti gli esperti a chiedere che il vecchio Pap-test ceda il passo, in prima battuta, a questo nuovo screening.
Tanti sarebbero i vantaggi; non solo la possibilità di scoprire le lesioni con più anticipo, ma anche quella di dilatare l’intervallo tra un esame e l’altro: cinque anni, contro i tre richiesti dal Pap-test. Quest’ultimo non andrebbe comunque in pensione, servirebbe per coadiuvare una diagnosi in seguito a una positività per il virus e nelle donne al sotto dei 30 anni, dove il test Hpv rileva molte lesioni destinate a regredire spontaneamente. Alcuni Paesi hanno già implementato questo cambiamento nella strategia preventiva, ma restano aperte alcune controversie sulla sua fattibilità, anche economica, specialmente nelle zone meno sviluppate.
26.02.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe