Accuse al presidente del Cicr nel board del forum Davos
Immagini articolo
I poteri minacciano
la neutrale Croce Rossa
FRANCO ZANTONELLI


Al presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa (Cicr), Peter Maurer, il World economic forum (Wef) di Davos deve fare l’effetto di una lisca in gola. Questo da quando gli è giunto il duro attacco di Le Monde, fattosi interprete delle accuse rivoltegli da un ex-delegato dell’organizzazione umanitaria, Thierry Germond. Esperienze in Africa e nei Balcani, dopo 35 anni di servizio Germond è andato in pensione ma non per questo si è dimenticato del Cicr. Che, sotto la presidenza di Peter Maurer - arrivato a quella carica nel 2012, con un passato da ambasciatore svizzero all’Onu - ritiene sia stato stravolto dagli obbiettivi originali, proprio per la sua presenza nel board, ovvero nel consiglio di fondazione, del World economic forum. Accanto a personaggi quali Jack Ma, il fondatore di Alibaba e Peter Brabeck, già presidente del Cda di Nestlè.
"Trovo questo fatto stupefacente, in quanto indebolisce i concetti di neutralità e di imparzialità che costituiscono le fondamenta stesse del Cicr". Questo è il contenuto di una prima e-mail che l’ex-delegato ha inviato, nel 2015, al presidente dell’organizzazione umanitaria. Nel 2017, sulla presenza di Maurer ai vertici del Wef, sono stati interpellati diversi delegati e 14 su 15 hanno ritenuto che "ciò non porterà alcun beneficio alle vittime dei confltti".
"Stiamo esplorando delle nuove strade e questo suscita dei dubbi. Ma se ci si fida di noi quando trattiamo con i talebani o con Donald Trump, lo si deve fare anche quando trattiamo con il settore privato"; il direttore generale del Cicr, Yves Daccord, difende con queste parole la posizione di Maurer. Secondo Daccord essere nel board del Wef vuol dire poter influenzarne l’agenda.
"Per me, al fine di garantire la totale neutralità del Cicr, Maurer non può essere membro di un board che sia politico, sociale, economico o culturale", dichiara al Caffè il consigliere nazionale socialista di Ginevra, Carlo Sommaruga, membro della Commissione di politica estera e figlio di Cornelio Sommaruga, che ha presieduto il Cicr dal 1987 al 1999. Quindi cosa dovrebbe fare? Sommaruga non ha dubbi. "Ritirarsi al più presto. Si tenga presente che il presidente del Cicr presiede un soggetto di diritto internazionale, per cui è da ritenersi alla pari di un capo di Stato e non capisco come sia potuto entrare nel board del Wef, diventandone un partner economico".
Anche l’ex consigliere agli Stati, Dick Marty, nel suo libro "Une certaine idée de la justice" si dice contrario alla relazione tra Peter Maurer e il World Economic Forum per "certi accordi conclusi con delle multinazionali". Ad esempio il rapporto stabilito con il colosso cementiero Lafarge-Holcim, accusato di aver finanziato l’Isis, in Siria, per salvare un proprio stabilimento. Scoppiato lo scandalo, il Cicr ha interrotto immediatamente i rapporti ma intanto il danno d’immagine era fatto.
Alcuni avversari di Peter Maurer lo accusano di essere un fautore delle politiche neo-liberiste e Thierry Germond arriva a definirlo un oligarca. "Questo termine - dice Carlo Sommaruga - mi sembra francamente eccessivo. Quello che so di sicuro è che non ascolta i consigli dei delegati. Esercita una gestione autoritaria che non si capisce dove porterà".
Nell’immediato lo porterà a incontrare a Davos, Shutdown permettendo, Donald Trump atteso come una "vedette" all’edizione 2019 del Wef, prevista dal 22 al 25 gennaio. Al presidente Usa - se arriverà - farà compagnia il neo insediato capo di Stato brasiliano, Jair Bolsonaro. Una coppia che rischia di trasformare l’appuntamento grigionese in una sorta di vertice della destra sovranista. E che sta facendo esplodere i prezzi delle stanze d’albergo. Ad esempio, al Derby Hotel, un tre stelle, la camera singola di 8 metri quadri viene a costare 5’000 franchi a notte.
13.01.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento