Raddoppiate le nascite a domicilio, nonostante il costo
Immagini articolo
La magia del parto
tra le mura di casa
ANDREA STERN


Sempre più donne partoriscono a casa anziché all’ospedale. L’anno scorso in Ticino sono state una cinquantina. Poche se si pensa che complessivamente le nascite sono state 2774. Ma comunque il doppio rispetto a cinque anni fa. "C’è chi pensa che sia un ritorno al Medioevo - sostiene Angela Notari, una delle mamme che hanno partorito in casa nascita -, ma non è affatto così. È piuttosto un ritorno alla saggezza della natura, alla potenza e all’energia del corpo della donna. È emancipazione e magia, un’esperienza che per me è stata la più bella della vita".
In Olanda un parto su tre avviene fuori dagli ospedali. A domicilio o in casa nascita. Una struttura che dal 2015 esiste anche in Ticino, a Lugano. "Se sempre più donne scelgono di partorire in ambiente domestico è perché forse in ospedale si è andati un po’ troppo in là con la medicalizzazione - sostiene Anna Fossati, una delle tre levatrici che hanno fondato la casa Lediecilune -. Ma una nascita non è una malattia. Una delle cose più importanti affinché gli ormoni della nascita funzionino al meglio e il parto sia fisiologico, è sentirsi a proprio agio". Per questo la casa nascita crea un rapporto di fiducia tra partoriente e levatrice. Le due donne compiono insieme un percorso, prima, durante e dopo il parto. "Avere un’alleata di questo tipo è stato fantastico", afferma Angela Notari, che sta approfondendo il tema raccontando in un libro "la storia di una levatrice valmaggese esperta di parti in casa, che ha capito che il parto è un atto di amore e non un atto medico, e a questo atto di amore ha dedicato una vita intera".
Va comunque detto che anche gli ospedali stanno cercando di rendere i reparti maternità sempre più a misura d’uomo, o meglio di donna. "Gli ospedali negli ultimi anni hanno fatto molto per umanizzare il parto, favorendo sin dai primi attimi la relazione mamma bambino e mantenendo un costante contatto tra i due durante il ricovero - osserva Giorgio Caccia, primario di ginecologia all’Ospedale Beata Vergine di Mendrisio -. Personalmente non sono contrario e non mi oppongo mai al desiderio di una donna di partorire fuori dall’ospedale. Ho una paziente che tra poco avrà il suo bimbo a casa, al proprio domicilio. Chi fa questa scelta deve però essere conscio che corre qualche rischio in più". Ma Anna Fossati replica: "Ci possono essere dei rischi, come ci sono in ospedale e del resto in tutta la vita, ma per partorire in casa occorre che la gravidanza sia fisiologica. Abbiamo inoltre competenze e materiale sanitario per affrontare un’emergenza ed organizziamo velocemente il trasferimento in ospedale".
Va infine detto che il parto a domicilio, pur essendo più economico in termini di spesa sanitaria, è paradossalmente più caro per chi lo sceglie. In ospedale un parto normale ha un costo medio di 6’200 franchi, un cesareo di 9’000. Un parto a domicilio costa circa 2’500 franchi, in "casa nascita" 3’100. Ma se nei primi due casi i costi sono interamente coperti dalla cassa malati, negli altri due la partoriente deve farsi carico di un importo che arriva facilmente a quattro cifre, come hanno sottolineato i deputati Nicola Pini, Ivo Durisch, Giorgio Fonio e Amanda Rückert in una mozione presentata al Consiglio di Stato per chiedere "di eliminare il disincentivo finanziario per chi sceglie un parto che comporta un costo inferiore al sistema sanitario". Alle mamme verrebbe così assicurata la libertà di scelta, indipendentemente dalle disponibilità finanziarie.

astern@caffe.ch
02.12.2018


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00