function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Vivere ancorati al passato crea soltanto risentimenti
Immagini articolo
Sintonizzarsi sull'oggi
per affrontare il futuro
ROSELINA SALEMI


Viviamo immersi nel "dover essere". Abbiamo perduto la capacità di essere lievi. Ma per farlo dobbiamo lasciar andare gli amori, le persone, le cose, il passato. E concentrarci su ciò che ci rende felici. Liberi dai blocchi emotivi, dalla folla di stimoli, necessità, ansie, possiamo  andare nella giusta direzione. Rinnovarsi, è un po’ come mettere ordine, accettare che non entreremo mai più in un certo vestito e non metteremo il costume comprato ai Caraibi. Tutto comincia con una sensazione di sottile infelicità che ha tanti nomi, dice Rossella Panigatti, autrice del saggio "L’arte di lasciar andare" (Tea): "Si può chiamare insoddisfazione, ansia, noia, tensione, stress, ma il significato è sempre lo stesso. Non stiamo bene nel luogo in cui siamo, non comunichiamo veramente con le persone che ci stanno a cuore e non mettiamo passione in quello che stiamo facendo. Se il nostro modo di essere ci rende tristi, insoddisfatti, frustrati o rabbiosi, dobbiamo fare qualcosa di diverso".
La cura c’è. Implica un rovesciamento di prospettiva. Anzichè pensare "in grande", pensare "in piccolo". Si comincia dalla casa, dal silenzio come condizione-base (un mixer emette cento decibel), dalle suonerie, dal frigo senza vecchie verdure, dalla pila di libri polverosi. Se chiedete un consiglio all’interior designer Andrea Castrignano vi convincerà a eliminare centrini in crochet di cotone, bambole, fiori e piante di plastica, souvenir di viaggi, nani da giardino, pupazzetti. Le cose ci possiedono e ci sommergono, il guardaroba è pieno, ma non abbiamo niente da metterci, ed è provato che indossiamo il 20 per cento dei vestiti nell’80 per cento dei casi. Sostiene Inès de la Fressange,  icona di stile: "La giornata inizia meglio quando si apre un armadio con dentro poche cose, ma ben organizzate. Sette capi sono l’ideale. Il sito LifeHacker è pieno di idee così facili che ci domandiamo subito come mai non le abbiamo avute noi". E Panigatti suggerisce: "Ci sono persone che resistono e altre che invece passano spontaneamente da uno stato di blocco a uno in cui tutto fluisce senza sforzo e sofferenza: è il primo passo per transitare dal senso di perdita alla scoperta dei piaceri che la vita ci riserva. Lasciar andare è un trasloco emozionale".
Per la psicologa Consuelo Casula il percorso non può essere uguale per chiunque, ma le linee guida sono comuni. E vale per ogni occasione, dalla fine traumatica di un matrimonio a quella di un’idea (di carriera, di amicizia) a lungo inseguita: "Bisogna sintonizzarsi sul presente, senza rimpianti, recriminazioni, risentimenti, accettare la realtà e far pace con le delusioni basate sugli autoinganni, sulle ingenuità. Recuperate le energie, imparata la lezione, è possibile guardare verso il futuro con un atteggiamento diverso, più maturo, più consapevole di ciò che si desidera e realisticamente si può ottenere. Sia un periodo di solitudine e silenzio, sia circondarsi di amici può aiutare, non c’è uno standard. Va bene la calma della riflessione, va bene entrare nel flusso".
E se il passato riaffiora? Prescrizione di Consuelo Casula: "Cominciate qualcosa di nuovo, trovate interessi, dedicatevi a progetti accantonati. Ogni volta che vi viene in mente un ricordo doloroso, spostatelo come fosse una nuvola con un gesto della mano, come per non avere il sole negli occhi".
13.01.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00