Come gestire l'eredità digitale del proprio "caro estinto"
Immagini articolo
Social, post e account
allungano la vita in rete
MAURO SPIGNESI


Quando una persona scompare, nell’era del digitale si porta appresso le proprie spoglie telematiche. Un fagotto di dati, username, password, like e altre tracce di una attività attraverso social, banche dati, ricerche in Rete e messaggi. Ecco perché anche morire oggi, rispetto a trent’anni fa, è diverso. Perché diversa è la società e i parenti devono fare i conti con questa eredità virtuale. Una eredità - a patto che si conosca - spesso ingombrante e, a volte, imbarazzante. Entrare in chat, in programmi di messaggistica o sui social - se si trova la password per "introdursi" su un telefonino, un tablet o un computer -  vuol dire anche necessariamente violare l’intimità, leggere qualcosa che la persona deceduta magari voleva tenere solo per sè. Ecco che, forse, ancora in vita tutto ciò andrebbe valutato. Per non lasciare (amare) sorprese ai propri cari, per non far loro scoprire ciò che per una vita si è tenuto nascosto.
Gestire un’eredità telematica comporta tutta una serie di passaggi, documenti, attestazioni, lettere per andare a bloccare account, tracciare l’attività della persona defunta. Alcuni provider offrono pagine dedicate dove spiegano, tappa dopo tappa, come fare per cancellare una identità. O per tenerla in vita in maniera differente. Come fa, ad esempio, Facebook che offre, ormai dal 2009, due strade: annullare immediatamente l’account oppure renderlo, come si spiega nel sito, "commemorativo", cioè trasformarlo in una pagina che permetta ad amici e parenti di lasciare un ricordo, una frase, una fotografia, preservando insieme la sicurezza in modo che nessuno possa accedere al profilo. Per far ciò bisogna rivolgersi agli amministratori di Facebook, e può farlo un parente o un amico stretto, che dimostri tuttavia la relazione con la persona deceduta.
Ma il popolare social consente di percorrere anche un’altra strada, cioè quella di un erede digitale, meglio ancora di un "contatto erede", cioè si può nominare sin da subito una persona che si occupi di amministrare le "spoglie telematiche".
Poi c’è la posta. Google (per diverse sue applicazioni) dopo un periodo di inattività progressivamente fa scattare una serie di protezioni. E una volta che un parente della persona deceduta si fa avanti gli viene richiesto un certificato di morte e una carta d’identità per chiudere l’account. Lo stesso vale per quanto riguarda tutto ciò che è stato aperto con Swisscom, che non trasmette a nessuno le password.
Anche la trafila che occorre compiere su Microsoft, che comprende la disattivazione non soltanto di account ma magari anche l’abbonamento a certi software popolari sottoscritto dalla persona deceduta, è piuttosto complicata. Vengono chiesti documenti e certificati che provino che le persone che domandano di intervenire hanno effettivamente un legame di parentela con lo scomparso. Linkedin oltre alla data di morte e ai soliti certificati, accetta un link di collegamento magari a un necrologio o a un articolo di giornale per iniziare la procedura di cancellazione.
Instagram offre la possibilità di compilare un modulo e di scegliere se bloccare e poi chiudere il profilo oppure, scelta simile a quella di Facebook, avere come pagina-ricordo della persona. In quest’ultimo caso like, messaggi e post condivisi sono visibili a tutti e non solo a una cerchia di amici.
Diverso il discorso dei conti bancari online o di servizi come PayPal. In questi casi si può bloccare cautelativamente il conto e poi riattivarlo una volta che gli eredi consegnano alla banca i documenti come una eredità certificata da un notaio. Più difficile bloccare invece abbonamenti che vengono rinnovati automaticamente, come quelli alle riviste o a Netflix o  Spotify. Anche in questo caso per revocare il servizio occorre inviare documenti e certificati.  m.sp.
22.09.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit è legata
al concetto di sovranità
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Forze turche
bombardano
per sbaglio
quelle Usa

Manifestanti
attaccano
la sede di Total
a Parigi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00