Dal Ticino all'Italia decine di minorenni richiedenti l'asilo
Immagini articolo
Profughi bimbi respinti
dalle guardie di Chiasso
PATRIZIA GUENZI


"Abbiamo visto un bus con 26 minori rimandati in Italia dalle guardie di confine e sembra che ciò avvenga più volte al giorno. Berna è informata e anche la direttrice del Dipartimento di giustizia e polizia, Simonetta Sommaruga". A dirlo al Caffè è Cesla Amarelle, consigliere nazionale socialista, che la prossima settimana con altri colleghi di partito chiederà a Berna di mandare dei "rinforzi" alla frontiera di Chiasso. "Specialisti, medici e traduttori per assistere i minori non accompagnati - spiega -. Non è più possibile lasciare senza aiuto e senza protezione tutti questi ragazzini completamente soli".
Una testimonianza che getta una luce inquietante sulla gestione dei profughi minorenni in Ticino. Già nelle scorse settimane importanti istituzioni come l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati e l’Osar, l’Organizzazione svizzera di aiuto ai rifugiati, hanno chiesto a Berna l’effettivo numero dei respingimenti e i motivi. Interogativi ancora senza una risposta. A cui si aggiungono le cinque domande (vedi a sinistra) al ministro Norman Gobbi di Paolo Bernasconi, fondatore dell’associazione Reset, che organizza il Festival dei Diritti umani, e collaboratore della Croce Rossa internazionale . "Le guardie di confine devono accompagnare i minori al Centro di registrazione e procedura, Crp, come prevede la legge. Tanto più quando hanno una richiesta scritta, compilata a Como da Firdaus, l’associazione di aiuto ai migranti. Invece, li fanno salire su un piccolo bus che li riporta in Italia - dice Bernasconi -. Le guardie in pochi istanti devono decidere il destino di tanti disperati minorenni che chiedono asilo o dichiarano di voler raggiungere i parenti in Svizzera". Come in una lotteria, a caso. "D’altro canto - riprende Bernasconi -, il ministro Gobbi domenica scorsa sulla SonntagsZeitung annunciava per il Ticino ‘il regime duro’ col respingimento immediato dei rifugiati".
Nessuno nega che le guardie di confine siano sotto pressione. "Sono troppo poche e non hanno il tempo per decidere - nota Amarelle -. Ma chi arriva alla frontiera in stato di bisogno, anche senza presentare alcuna richiesta di asilo scritta, non può essere ricacciato indietro così, sui due piedi. È una violazione dell’articolo 18 della legge sull’asilo".
Intanto, il Corriere di Como di ieri, sabato, ha scritto che Firdaus ha inviato al sindaco di Como un dossier con una trentina di storie di respingimenti illegali o senza fondato motivo.
21.08.2016


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit è legata
al concetto di sovranità
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Forze turche
bombardano
per sbaglio
quelle Usa

Manifestanti
attaccano
la sede di Total
a Parigi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00