L'attentatore uzbeko della strage in Svezia era schedato
Immagini articolo
Nel Tir impazzito
c'era una bomba


Ha 39 anni, 4 figli, è nato in Uzbekistan, come molti  jihadisti tanto che è simpatizzante dell’Isis. E il suo nome un tempo era negli schedari dell’intelligence svedese. Vengono fuori con il contagocce, ma arrivano, le notizie sull’uomo arrestato, insieme ad altri tre sospettati, dopo l’attentato di Stoccolma. L’uzbeko è stato indicato come colui che era alla guida del camion piombato in una zona dello shopping, in centro città, e a tutta velocità ha falciato decine di persone, uccidendone quattro. Il suo nome, con altre informazioni, era negli schedari dell’intelligence, come ha ammesso il capo degli 007 svedesi, Anders Thornberg: "Il sospetto non è comparso nei nostri file recenti, ma in passato era nei nostri archivi". Il portavoce della polizia di Stoccolma, Lars Bystrom, ha invece fatto il punto sulle indagini, precisando che "la persona in questione è stata arrestata in qualità di colpevole".
Intanto, ieri, sabato, la polizia svedese ha effettuato un blitz antiterrorismo nel sud di Stoccolma arrestando tre persone, come ha riferito la tv pubblica svedese. Secondo l’Expressen, le tre persone prese in custodia sono legate all’uzbeko arrestato, considerato il sospettato numero uno nell’attacco. Resta da capire, come rilanciato da alcuni giornali, se davvero l’uzbeko avesse portato sul camion anche un ordigno artigianale. Gli agenti hanno effettivamente trovato una borsa, ma nessuno ha poi ufficialmente confermato che contenesse una bomba. Il procuratore svedese Hans Ihrman che si occupa delle indagini sull’attentato ha confermato che il 39enne è stato identificato formalmente come un sospetto di "reato terroristico mediante omicidio". Nel frattempo, mentre alcune fonti ospedaliere spiegano che diversi feriti versano in gravi condizioni, la polizia ha nuovamente interrogato il proprietario del camion usato per l’attentato. L’uomo ha raccontato che stava consegnando casse di birra quando si è fermato davanti a un ristorante. L’autista ha aggiunto d’aver denunciato il furto, ma l’allerta terrorismo ufficialmente non è scattata. Il killer ha poi investito la gente di passaggio quando è giunto nella via pedonale più frequentata di Stoccolma: la Drottninggatan.
09.04.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel