Si ricostruisce il puzzle sulla tragedia di Brissago
Immagini articolo
Il tamil trapassato
da almeno 2 pallottole


Pam pam. Pam. È stata con ogni probabilità la terza pallottola quella mortale. E forse, come le prime due, quelle sparate in rapida successione, anche questa è fuoriuscita dal corpo del trentottenne tamil che, nella notte tra il 6 e il 7 ottobre scorso a Brissago, è stato ucciso dalla polizia. Ucciso  da un agente della "cantonale" perché stava minacciando con due coltelli due connazionali. Ed erano stati proprio loro, una quindicina di minuti prima, ad aver chiesto con una telefonata l’intervento della polizia.
Karan, così si chiamava, era ubriaco. Urlava, sbraitava, minacciava. Era ospitato in un monolocale dentro un palazzotto nel centro di Brissago, assieme ad altri sei o sette profughi.
Da Zurigo, dalla "scientifica", ancora si attendono i risultati ufficiali delle analisi medico legali. Ma dagli interrogatori e dai rilievi è stato già ora possibile ricostruire alquanto dettagliatamente la scena del crimine.
Tre fori nel corpo di Karan. Due pallottole sicuramente fuoriuscite. Quelle hanno colpito il fianco destro. La terza il torace. Ed è stata forse quest’ultima quella mortale.
Tre fori e tre pallottole . La paura. Il sangue. Pallottole insanguinate a terra. E tre testimonianze determinanti che, salvo uno o due aspetti, paiono proprio collimare. Quelle dei due tamil che facevano strada alla polizia all’interno del vecchio stabile. Dalla corte di entrata su un vicolo al piccolo pianerottolo del primo piano dove alloggiava Karan.
Due testimonianze accanto a quella dell’agente che ha sparato. Un agente di 28 anni e da soli 5 in polizia.
Il racconto dei due tamil nella sostanza sembrerebbe ricalcare quello del poliziotto. Salvo due aspetti, importanti sì, ma alla luce dei rilievi effettuati, di fatto di poco conto.
Uno dei due tamil, uno dei due cioè che stava accompagnando l’agente nel locale di Karan, dice di aver sentito non tre ma soli due colpi. Era accanto all’agente che ha fatto fuoco, a poca distanza dal tamil ucciso. Eppure…, eppure sostiene di aver sentito solo due colpi. Pam. Pam. Distinti anche se a pochissimi secondi uno dall’altro. Fatto è però che i fori sul corpo di Karan sono tre.
Ed è sempre lui, quello a non aver sentito i tre colpi di pistola, a non aver nemmeno udito il poliziotto intimare l’alt prima degli spari. E per ben due volte parrebbe. No, ha detto a chi lo ha interrogato - alla polizia prima ancora che al procuratore Moreno Capella -, non ho sentito né tre colpi né il poliziotto dire... "Alt, polizia! Getta il coltello".
Sono queste due, il numero di spari e l’alt intimato dal poliziotto, le sostanziali divergenze nelle testimonianze raccolte dagli inquirenti. Ma alla luce della scena del crimine fotografata e analizzata, il racconto di uno dei due tamil assume minor peso, smentito appunto dai fori sul corpo di Karan. Ma anche dalla testimonianza del secondo profugo che stava accompagnando la polizia verso il monolocale di Karan.
Da Zurigo si stanno attendendo i risultati ufficiali degli esami. Ed importante sarà sapere anche quanto alterato dall’alcol fosse il tamil ucciso. Ciò, anche se indirettamente, potrà chiarire la reazione del poliziotto. Tre colpi di arma da fuoco dopo aver intimato l’alt. Tre pallottole sul corpo di un uomo forse visibilmente e paurosamente alterato dall’alcol.
05.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni