Troppe divisioni prolungano le trattative in Germania
Immagini articolo
La Merkel non riesce
a 'impastare' il governo
STEFANO VASTANO


A volte la politica tedesca segue netti principi  gastronomici. Ai tempi di Gerhard Schröder, ad esempio, e della sua coalizione rosso-verde, si sapeva benissimo, ha commentato la Frankfurter Allgemeine Zeitung, "chi era il cuoco e chi il cameriere". Il coriaceo presidente della Spd era lo chef al governo di Berlino; e Joschka Fischer, ex capo carismatico dei Verdi e ministro degli Esteri, il cameriere. Le loro trattative infatti, nel 1998 e 2002, durarono per entrambi i governi 30 giorni. Anche nel 2009 era chiaro chi era lo chef e chi il cameriere del nuovo esecutivo: Angela Merkel impastò il suo secondo governo - con i liberali della Fdp - in 31 giorni. Già la formazione del terzo governo Merkel invece, la seconda ‘Grosse Koalition’ con la Spd nel 2013, durò 86 giorni, un record nella storia della Repubblica federale.
Ma le baruffe e i dissidi a cui i tedeschi stanno ora assistendo nelle trattative per la cosiddetta "Jamaika–Koalition" rischiano di superarli i tre mesi, e prolungarsi sino al 2018. Tra la Cdu della Kanzlerin e la bavarese Csu di Horst Seehofer da un lato, i liberali di Christian Lindner ed i Grünen dall’altro è impossibile individuare ‘lo chef e il cuoco’ della prossima legislatura. Troppi i conflitti tra i quattro partiti, a partire da quello più spinoso di tutti: la politica migratoria per una Germania che, dal settembre 2015, ha accolto più di un milione di migranti. Specie i bavaresi della Csu insistono che in futuro il loro numero non superi i 200mila l’anno, e che la migrazione "sia controllata e limitata". Anche per quanto concerne l’arrivo in Germania delle famiglie dei profughi. Parenti invece che, per i Verdi, dovrebbero avere un accesso meno burocratico in Germania proprio per accelerarne l’integrazione.
"Ai Verdi abbiamo detto, ha tuonato secco Alexander Dobrindt della Csu, che non si formerà alcuna coalizione senza un chiaro controllo sulla migrazione". "Sulla politica migratoria, è venuto giù duro il 38enne Lindner della Fdp, il programma dei Verdi gioca alla fine a tutto a favore della Afd", e cioè del partito d’estrema destra che alle politiche del 24 settembre ha incassato il 12 per cento dei voti. Muro contro muro anche sui punti nevralgici della politica energetica e sul futuro del diesel nelle fabbriche e sulle strade tedesche. A partire dal 2030, a sentire gli ambientalisti, non dovrebbero più circolare in Germania motori a combustione. Anche le centrali a carbone per i Verdi hanno i giorni contati, al massimo sino al 2020. "Noi liberali non siamo per questi divieti, esclama Lindner, e alle elezioni abbiamo promesso che chi guida un diesel non verrà penalizzato".
Oltre che sulle quattroruote e sull’energia, il resto si gioca su agricoltura, allevamento ed ambiente, dice Anton Hofreiter, capo-frazione dei Grünen, "che per noi Verdi sono decisivi per una eventuale coalizione". In compenso, sul fronte fiscale, sul pareggio di bilancio e sul minino salariale i quattro partiti hanno raggiunto linee di compromesso. Tutti reclamano sconti sulle tasse: i liberali promettono al contribuente sgravi fiscali nell’ordine dei 30 miliardi. La Cdu della Merkel alleggerimenti per 15 miliardi. Anche su un altro punto i quattro "giamaicani"  convergono: più investimenti in cultura. Entro il 2025 in Germania più del 10 per cento del Pil andrà in cultura e ricerca, e aumenteranno le borse di studio agli studenti. "L’obiettivo - ha precisato Peter Tauber, segretario della Cdu - è che la Germania sia ai primi posti al mondo in ricerca e cultura". Basterà per formare l’agognata e a quanto pare turbolenta "Jamaika-Koalition" o si andrà, come auspica Martin Schulz della Spd, di nuovo al voto? Se oggi tornassero a votare, i tedeschi darebbero il 31 per cento dei voti alla Cdu della Merkel, circa il 2 per cento in meno del 24 settembre. Segno che i tedeschi non gradiscono in ogni caso le trattative troppo estenuanti.
05.11.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue