Il racconto di Viviana che ha subito violenze e soprusi
"Per anni picchiata
dal mio ex partner"
PATRIZIA GUENZI


Se quando arrivo a casa ti trovo lì ti ammazzo". Queste parole Viviana non le dimenticherà più. Gliele aveva rivolte il suo partner, il padre di suo figlio, con cui ha convissuto per quattro anni. Quattro anni di botte insulti e prevaricazioni. "Ricordo di avere immediatamente chiamato la polizia per farmi aiutare e sapete che mi rispose? Cosa veniamo a fare? Tanto fin che siamo lì noi non succederebbe nulla". Oltre alle violenze Viviana si è sempre trovata davanti un muro. "Sola, senza nessuno che capisse il reale dramma che stavo vivendo", dice al Caffè la donna, oggi sessantenne.  
Tanti gli episodi in cui Viviana senza reagire ha subìto botte e minacce. "Qualche volta scappavo di casa, mi rifugiavo col bambino da mia sorella. Ma poi lui arrivava con la scusa di trovare suo figlio e mi implorava di tornare. Piangeva, diceva che non l’avrebbe più fatto. Mi supplicava". E Viviana cedeva. E ricominciava a girare la perversa ruota della violenza familiare. "Proprio come vedi al cinema o in alcuni documentari - osserva -. Capita davvero così. Il carnefice implora la vittima, per poi scordarsi le promesse e ricominciare daccapo appena lei torna a casa". Una volta Viviana finì pure al pronto soccorso. "Fu lui a chiamare l’ambulanza, non so cosa gli raccontò, ma nessuno mosse un dito", ricorda.
Un giorno finalmente Viviana trova la forza di andarsene. E non più tornare. Qualche anno fa, per sostenere le vittime di violenza in famiglia, invitarle ad uscire dall’omertà, aveva pensato di creare un gruppo d’aiuto. Purtroppo l’idea non si è mai concretizzata. "A parole sono in tanti a sostenere iniziative di questo tipo, ma quando è il momento di concretizzare qualcosa, di darsi da fare per garantire un aiuto alle vittime non trovi più nessuno", dice sconsolata. Eppure, spezzare il silenzio, liberarsi dalla vergogna, parlare di violenza domestica è fondamentale per riuscire a cambiare le cose. "È un mondo sommerso, di cui si parla ancora troppo poco. Occorrono più sostegni esterni". E conclude: "Chiamare la polizia, che se viene spesso è troppo tardi, non può essere la soluzione. Bisogna intervenire prima".
pguenzi@caffe.ch
26.11.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni