Dicembre nero per le bancarotte pilotate dalle aziende
Immagini articolo
I fallimenti aumentano
per lucro o incapacità
STEFANO PIANCA


Dicembre per molti è il mese della tredicesima, ma per qualcun altro può rappresentare il momento migliore per annunciare fallimento. Il riferimento è ovviamente ai "furbetti" di questa pratica che causa costi elevatissimi allo Stato, ai fornitori che non sono stati pagati e ai dipendenti stessi rimasti senza lavoro.  Lo scorso ottobre il sindacato Unia è uscito allo scoperto per denunciare il boom ticinese di chi fa della bancarotta a tavolino un espediente per lucrare. "Purtroppo ancora troppo poco perseguito dall’autorità - dice al Caffè Vincenzo Cicero di Unia -. Eppure 8 fallimenti su 10 potrebbero fornire materia penale. Ma spesso, ci dicono dalle stesse istituzioni, manca il tempo fisico per approfondire e soprattutto mancano le risorse". Da qui anche la segnalazione attraverso il sito "denunciamoli.ch", una black list online dedicata ai "cattivi" imprenditori. A scopo innanzitutto deterrente.
I dati mostrano che il Ticino è capofila negativo con una media annua di perdite legate ai fallimenti che si aggira sui 252 milioni di franchi e le somme che si volatilizzano sono circa 3,5 volte più alte della media nazionale. Il periodo più caldo dell’anno, da questo punto di vista, è il dodicesimo mese. Per ovvi motivi. È infatti in questo momento, per ragioni stagionali, che molti cantieri giungono a conclusione e le imprese dell’edilizia (il settore nero per questo genere di chiusure programmate e truffaldine) hanno maggiore liquidità. L’impresa chiude "baracca" con la cassa piena, lasciando gli operai senza gli ultimi stipendi.
Spesso infatti l’agonia programmata di un’azienda è costellata da promesse al dipendente: "Questo mese ti posso dare solo mille franchi", rassicura il datore di lavoro. E mille dopo mille s’accumula sulla pelle del salariato una sorta di "tredicesima" al contrario. Soldi che nemmeno la "cassa insolvenza" della disoccupazione può totalmente risarcire. La copertura si limita infatti agli ultimi 4 mesi arretrati (come pure ai quattro tredicesimi della mensilità aggiuntiva). Anche qui il Ticino è primatista svizzero con 6,3 milioni di franchi di indennizzi ai lavoratori di imprese fallite (seguito da Zurigo con 6,2 milioni e Vaud, con 4,7). Un record ancora più negativo se si tiene conto del fatto che il cantone ha un numero di lavoratori decisamente inferiore rispetto al mercato zurighese.
Perché funzioni, il gioco di queste ditte che falliscono e poi riaprono con altri prestanome consiste, spiega il sindacalista, "nel non lasciare scoperti i grossi fornitori, fregando invece i piccoli artigiani e i lavoratori. E, naturalmente, accumulando debiti con lo Stato. Purtroppo il massimo che quest’ultimo fa nei confronti di questi debitori è spiccare un precetto esecutivo". Precetti cui seguono immancabilmente le opposizioni di rito, e così i tempi s’allungano, la ditta ha il tempo di aggiungere nuovi scoperti, fino allo scontata chiusura. La via d’uscita indicata dal sindacato passa invece dal potenziamento degli uffici di esecuzione e fallimenti. Un deterrente che si concretizzerebbe con l’assunzione di esperti in contabilità aziendale e avvocati. Queste le figure che mancano. Perché i "furbetti" vanno tenuti d’occhio.

s.pi.
10.12.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni