Le esperienze di trasporto pubblico gratuito in Europa
In Estonia solo i turisti
devono fare il biglietto
ANDREA STERN


Tallinn, in Estonia, è l’unica capitale al mondo dove i trasporti pubblici sono gratuiti, dal gennaio 2013. I mancati introiti vengono coperti dal Comune, che già in precedenza sussidiava il 70% dei costi di esercizio. Per viaggiare senza pagare bisogna però registrarsi come residenti in città, altrimenti il costo del biglietto singolo resta di 1,60 euro.
Anche in Francia diverse città hanno provato a introdurre la misura. A volte con successo, altre no. A Châteauroux, 76mila abitanti, i trasporti pubblici sono gratuiti dal 2001 e da allora il numero di passeggeri è quintuplicato. A finanziare il servizio sono le imprese che contano più di undici dipendenti, che devono versare una tassa equivalente allo 0,6% dell’ammontare dei salari. A Montpellier la gratuità è stata revocata perché i bus erano diventati dei luoghi di incontro pubblici.
Anche le uniche due città tedesche che hanno tentato l’esperienza, Lübben e Templin, hanno dovuto tornare sui loro passi, penalizzate dall’eccessivo successo. In entrambi i casi si era reso necessario l’acquisto di nuovi bus e la moltiplicazione delle linee, con costi divenuti insostenibili per i comuni.
In Svizzera il primo cantone che potrebbe rendere gratuiti i  trasporti pubblici è Neuchâtel, dove a fine febbraio è stata depositata un’iniziativa popolare in tal senso. Il popolo sarà quindi chiamato ad esprimersi. Al di là dell’attrazione che suscita la parola "gratis", l’esito è però tutt’altro che scontato. Un’iniziativa analoga era stata bocciata nel 2008 dai ginevrini con oltre il 67% dei voti, mentre nel 2004 i cittadini di Le Locle si erano opposti alla gratuità con il 74% di no.
08.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento