Le esperienze di trasporto pubblico gratuito in Europa
In Estonia solo i turisti
devono fare il biglietto
ANDREA STERN


Tallinn, in Estonia, è l’unica capitale al mondo dove i trasporti pubblici sono gratuiti, dal gennaio 2013. I mancati introiti vengono coperti dal Comune, che già in precedenza sussidiava il 70% dei costi di esercizio. Per viaggiare senza pagare bisogna però registrarsi come residenti in città, altrimenti il costo del biglietto singolo resta di 1,60 euro.
Anche in Francia diverse città hanno provato a introdurre la misura. A volte con successo, altre no. A Châteauroux, 76mila abitanti, i trasporti pubblici sono gratuiti dal 2001 e da allora il numero di passeggeri è quintuplicato. A finanziare il servizio sono le imprese che contano più di undici dipendenti, che devono versare una tassa equivalente allo 0,6% dell’ammontare dei salari. A Montpellier la gratuità è stata revocata perché i bus erano diventati dei luoghi di incontro pubblici.
Anche le uniche due città tedesche che hanno tentato l’esperienza, Lübben e Templin, hanno dovuto tornare sui loro passi, penalizzate dall’eccessivo successo. In entrambi i casi si era reso necessario l’acquisto di nuovi bus e la moltiplicazione delle linee, con costi divenuti insostenibili per i comuni.
In Svizzera il primo cantone che potrebbe rendere gratuiti i  trasporti pubblici è Neuchâtel, dove a fine febbraio è stata depositata un’iniziativa popolare in tal senso. Il popolo sarà quindi chiamato ad esprimersi. Al di là dell’attrazione che suscita la parola "gratis", l’esito è però tutt’altro che scontato. Un’iniziativa analoga era stata bocciata nel 2008 dai ginevrini con oltre il 67% dei voti, mentre nel 2004 i cittadini di Le Locle si erano opposti alla gratuità con il 74% di no.
08.04.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni