Ma le pratiche di Flixbus sollevano più di un interrogativo
I pullman "low cost"
sfidano il caro treno
ANDREA STERN


Ventiquattro franchi per andare da Lugano a Monaco di Baviera sono un prezzo contro il quale nessuno, né il treno né l’auto privata, sono in grado di confrontarsi. È un "viaggiare quasi gratis" quello che offre la compagnia di torpedoni tedesca Flixbus. Fondata nel 2011, l’anno scorso ha trasportato 1,2 milioni di passeggeri in Svizzera e ben 40 milioni a livello europeo. Ora, dal prossimo 25 marzo, nel mercato dei bus di linea sbarca anche la Domo Reisen, che a differenza del concorrente tedesco potrà offrire anche tratte interne al paese. È l’inizio della fine per i treni?
"Se le concessioni vengono date in modo mirato e non generalizzato - osserva Massimo Filippini, professore di economia politica all’Università della Svizzera italiana e al Politecnico di Zurigo -, il sistema di bus a lunga distanza  può diventare complementare a quello ferroviario. Si pensi in particolare alle tratte dove non esistono collegamenti ferroviari diretti o alle fasce orarie durante le quali l'offerta delle Ffs è scarsa. Se invece si dovesse andare verso un modello che prevede la concorrenza diretta tra i due mezzi di trasporto, allora a medio termine sorgerebbero senza dubbio dei problemi economici ed ambientali".
Filippini evidenzia tuttavia che i bus sono economici ma a dipendenza della tratta possono comportare  svantaggi rispetto ai treni. Dalle fermate spesso ubicate in zone poco centrali ai tempi di percorrenza. A titolo di esempio, per andare in bus da Lugano a Lucerna occorreranno 3 ore e 25 minuti, mentre con il treno di ore ne bastano 2. "Nelle scelte di un mezzo di trasporto oltre al prezzo del biglietto anche la durata è molto importante". Come si dice, il tempo è denaro.
Resta il fatto che i prezzi della Flixbus sono davvero stracciati. Secondo il Sindacato del personale dei trasporti (Sev) "grazie a condizioni di lavoro degli autisti ben al di sotto della media". La vicepresidente del Sev, Barbara Spalinger, spiega che è impossibile sapere esattamente quando guadagnano i conducenti, perché nessuno di loro è impiegato direttamente dalla casa madre. "Flixbus ha comprato un solo bus, che non gira mai, in modo da potersi definire società di trasporti - afferma Spalinger -. In realtà è una piattaforma informatica per la quale lavora solo una ventina di persone. Le linee sono tutte appaltate a piccole società locali. Nessuno sa che accordi hanno con Flixbus e nessuno sa quanto pagano i loro autisti".
Il Sev ne ha interpellati alcuni che transitavano in Svizzera ed essi hanno sostenuto di guadagnare "tra 1’500 e 1’700 euro al mese". Salari irrisori, ma dato che si tratta di una società estera il sindacato non può farci nulla. "Diverso è il discorso con la Domo Reisen, che avendo ottenuto una concessione dall’Ufficio federale dei trasporti deve sottostare alle regole in uso nel nostro paese - spiega Spalinger -. Il direttore dell’azienda, Patrick Angehrn, sostiene che i suoi conducenti percepiscono 4mila franchi al mese. Sono paghe inferiori alla media del settore e noi come sindacato intendiamo effettuare le nostre verifiche".
Già in passato l’Ufficio federale dei trasporti, ricorda Spalinger, aveva definito "usuali" i salari di 3’500 franchi ai macchinisti italiani della svizzera Crossrail. Ma il sindacato aveva ricorso contro quelle remunerazioni, con successo. "Il fatto che Domo Reisen abbia ottenuto la concessione non è quindi garanzia di salari giusti - conclude Spalinger -. Noi vigileremo".

a.s.
08.04.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin