Ma le pratiche di Flixbus sollevano più di un interrogativo
I pullman "low cost"
sfidano il caro treno
ANDREA STERN


Ventiquattro franchi per andare da Lugano a Monaco di Baviera sono un prezzo contro il quale nessuno, né il treno né l’auto privata, sono in grado di confrontarsi. È un "viaggiare quasi gratis" quello che offre la compagnia di torpedoni tedesca Flixbus. Fondata nel 2011, l’anno scorso ha trasportato 1,2 milioni di passeggeri in Svizzera e ben 40 milioni a livello europeo. Ora, dal prossimo 25 marzo, nel mercato dei bus di linea sbarca anche la Domo Reisen, che a differenza del concorrente tedesco potrà offrire anche tratte interne al paese. È l’inizio della fine per i treni?
"Se le concessioni vengono date in modo mirato e non generalizzato - osserva Massimo Filippini, professore di economia politica all’Università della Svizzera italiana e al Politecnico di Zurigo -, il sistema di bus a lunga distanza  può diventare complementare a quello ferroviario. Si pensi in particolare alle tratte dove non esistono collegamenti ferroviari diretti o alle fasce orarie durante le quali l'offerta delle Ffs è scarsa. Se invece si dovesse andare verso un modello che prevede la concorrenza diretta tra i due mezzi di trasporto, allora a medio termine sorgerebbero senza dubbio dei problemi economici ed ambientali".
Filippini evidenzia tuttavia che i bus sono economici ma a dipendenza della tratta possono comportare  svantaggi rispetto ai treni. Dalle fermate spesso ubicate in zone poco centrali ai tempi di percorrenza. A titolo di esempio, per andare in bus da Lugano a Lucerna occorreranno 3 ore e 25 minuti, mentre con il treno di ore ne bastano 2. "Nelle scelte di un mezzo di trasporto oltre al prezzo del biglietto anche la durata è molto importante". Come si dice, il tempo è denaro.
Resta il fatto che i prezzi della Flixbus sono davvero stracciati. Secondo il Sindacato del personale dei trasporti (Sev) "grazie a condizioni di lavoro degli autisti ben al di sotto della media". La vicepresidente del Sev, Barbara Spalinger, spiega che è impossibile sapere esattamente quando guadagnano i conducenti, perché nessuno di loro è impiegato direttamente dalla casa madre. "Flixbus ha comprato un solo bus, che non gira mai, in modo da potersi definire società di trasporti - afferma Spalinger -. In realtà è una piattaforma informatica per la quale lavora solo una ventina di persone. Le linee sono tutte appaltate a piccole società locali. Nessuno sa che accordi hanno con Flixbus e nessuno sa quanto pagano i loro autisti".
Il Sev ne ha interpellati alcuni che transitavano in Svizzera ed essi hanno sostenuto di guadagnare "tra 1’500 e 1’700 euro al mese". Salari irrisori, ma dato che si tratta di una società estera il sindacato non può farci nulla. "Diverso è il discorso con la Domo Reisen, che avendo ottenuto una concessione dall’Ufficio federale dei trasporti deve sottostare alle regole in uso nel nostro paese - spiega Spalinger -. Il direttore dell’azienda, Patrick Angehrn, sostiene che i suoi conducenti percepiscono 4mila franchi al mese. Sono paghe inferiori alla media del settore e noi come sindacato intendiamo effettuare le nostre verifiche".
Già in passato l’Ufficio federale dei trasporti, ricorda Spalinger, aveva definito "usuali" i salari di 3’500 franchi ai macchinisti italiani della svizzera Crossrail. Ma il sindacato aveva ricorso contro quelle remunerazioni, con successo. "Il fatto che Domo Reisen abbia ottenuto la concessione non è quindi garanzia di salari giusti - conclude Spalinger -. Noi vigileremo".

a.s.
08.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Strasburgo:
polizia uccide
Chérif Chekatt,
l'Isis rivendica

Brexit:
la paura
degli immigrati
in Gran Bretagna