Il ministro Zali giudica la misura poco adatta al Ticino
"Trasporti gratuiti?
Meglio siano efficienti"
ANDREA STERN


Tutto è fattibile, ma ci vuole una solida volontà politica che tenga conto di alcuni aspetti. E in ogni caso finora né il Parlamento né il Governo hanno mai espresso questa volontà", dice al Caffè il direttore del Dipartimento del territorio, Claudio Zali, in merito all’ipotesi di rendere gratuiti i trasporti pubblici.
Quali aspetti creerebbero dei problemi secondo lei?
"Il primo è di tipo economico. Togliendo dal bilancio dei trasporti pubblici quanto pagato dai viaggiatori, la fattura a carico del Cantone aumenterebbe considerevolmente".
Già oggi però la vendita di biglietti e abbonamenti non copre neanche la metà dei costi.
"Infatti, anche chi non usa i trasporti pubblici si trova a doverli pagare. Se diventassero gratuiti, si troverebbe a dover pagare ancora di più. Il secondo aspetto è quindi una questione di equità fra i cittadini".
E il terzo?
"Sarebbe opinabile, come modo di procedere, indirizzare il cittadino su una certa scelta solo perché gratuita. Sarebbe poco educativo. Si dovrebbe invece usare il trasporto pubblico per convinzione e perché rappresenta un’alternativa interessante al trasporto privato".
In un altro cantone, Neuchâtel, c’è però chi crede che la gratuità sia l’incentivo migliore e ha depositato un’iniziativa popolare. Perché da noi no?
"Non nego che in una realtà diversa magari la proposta avrebbe un maggior potenziale, ma la nostra morfologia è particolare, ci sono dei limiti".
Quali?
"La rete ferroviaria non è infinita e bisogna dividerla con il traffico merci. Idem per la rete stradale. Già oggi i treni e i bus negli orari di punta sono spesso strapieni. Renderli gratuiti, ne eccederebbe la capacità. In un territorio come quello ticinese il trasporto pubblico resterà sempre complementare al traffico privato".
La priorità è quindi potenziare il trasporto pubblico?
"Certo, ed è quello che stiamo facendo. Il nostro obiettivo è quello di potenziare l’infrastruttura, l’offerta e i collegamenti. Alcuni passi sono già stati fatti e altri seguiranno, ad esempio con l’apertura del tunnel di base del Monte Ceneri o con la rete tram-treno del Luganese. È così che si rende il trasporto pubblico più attrattivo".
Non sarebbe possibile almeno abbassare i prezzi, oggi ritenuti troppo cari?
"A parte che i prezzi degli abbonamenti sono a mio modo di vedere accessibili, il trasporto pubblico viene spesso definito troppo costoso, ma a torto. Il problema è che non si fa un confronto corretto con il costo dell’automobile. Se io vado a Zurigo, non devo considerare solo la benzina, ma l’insieme delle spese legate al veicolo privato. Se faccio questo tipo di ragionamento, ecco che il trasporto pubblico diventa concorrenziale".

a.s.
08.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento