L'analisi del medico e fondatore dell'Istituto di oncologia
Sul Cardiocentro
prevalga la ragione
FRANCO CAVALLI, MEDICO


I termini dell’accordo erano tassativi: il Cardiocentro sarebbe diventato parte dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc), sul cui sedime era sorto, entro il 2020, tant’è che questa clausola è parte integrante dello statuto della Fondazione che lo ha sin qui retto. Ora da mesi il presidente di detta Fondazione, Giorgio Giudici, e il promotore del Cct, il professor Tiziano Moccetti, battono la gran cassa contro la prevista integrazione in Eoc, riuscendo recentemente a far prendere una posizione simile anche al municipio di Lugano. E questo dopo che l’ex sindaco di Lugano aveva inizialmente affermato che del tema non doveva occuparsene la politica "se no, diventa un pollaio": allora probabilmente contava di trovare maggiori consensi nel CdA di Eoc, unico organo che potrebbe rinunciare all’accordo.
Già i romani, ispiratori del diritto a cui ancora oggi ci riferiamo, dicevano che "pacta servanda sunt" cioè che gli accordi presi, se si vuole evitare il caos, vanno rispettati. Ma ci sono molte altre ragioni che militano per l’integrazione del Cct in Eoc. Ne cito una: proprio nel 2020 arriveranno i primi studenti del Master in medicina. La facoltà di Biomedicina è un progetto di grande importanza per il futuro del nostro Cantone ed essenziale per le sue strutture sanitarie. In questo contesto l’Eoc giocherà sempre più il ruolo di "ospedale universitario di riferimento".
In tutte le strutture universitarie simili, la chirurgia cardiaca (oggi Cct) e quella toracica (oggi Eoc) sono ovviamente associate, perché sinergiche, sotto l’ombrello della stessa organizzazione sanitaria. Vogliamo invece creare un’eccezione canton ticinese, che nessun altro in Svizzera capirà?
Giudici e Moccetti affermano di opporsi all’integrazione in Eoc "per salvaguardare l’eccellenza del Cct". Ora i vertici di Eoc hanno ufficialmente garantito al Cardiocentro un’autonomia clinica uguale a quella di cui gode lo Iosi.
Nessuno meglio di me può capire i sentimenti di Tiziano Moccetti: è sempre difficile perdere, magari anche solo parzialmente, il controllo "della propria creatura". Ma la ragione ed in fondo anche il ben compreso bene dei pazienti devono prevalere. Lo Iosi ha avuto, e tuttora ha, questa eccellenza: il segreto medico mi impedisce di citare, anche se talora la stampa internazionale ne ha parlato, famosi personaggi svizzeri e stranieri, che sono arrivati allo Iosi, magari dopo aver consultato centri d’oltre Atlantico. Inoltre lo Iosi è riuscito a raggiungere anche nella ricerca, di solito garante della qualità delle cure, risultati che gli han permesso di ottenere i sussidi federali (art. 15 Legge sulla ricerca), prestigiosi finanziamenti europei (ERCs) e di conseguenza l’affiliazione a Usi, traguardi questi non ancora raggiunti dal Cardiocentro. Quindi guardiamoci negli occhi e lasciamo prevalere la ragione, anche se ciò ci costa qualche comprensibile sforzo emotivo.
08.04.2018


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento