Le esperienze di quattro giovani fondatori di aziende
Immagini articolo
"Altro che posto fisso,
meglio lavorare da soli"
ANDREA STERN


Il lavoro? Me lo invento. È il motto che ha guidato Greta Giorgetti, 26enne di Lugano, da due anni e mezzo amministratrice unica della MrSmile Sagl, un’azienda che consegna frutta fresca a uffici e privati. "Avevo appena finito l’università - dice -. Dovevo decidere se cercare lavoro o fare un master. Ma poi ho pensato di portare in Ticino questo servizio che esisteva già un po’ ovunque nel mondo". Fresca di diploma, Greta ha dovuto imparare tanto. "All’università non vengono insegnati gli aspetti pratici di un’attività economica, come la contabilità, la ricerca di clienti o la pubblicità - spiega -. È stato molto impegnativo avviare la mia società, ma ora posso dire che il bilancio è positivo. Ho potuto lasciare il lavoro serale in un call center che mi serviva ad arrotondare gli incassi, ma soprattutto ho avuto una crescita molto soddisfacente a livello personale e professionale". Nessun sogno di posto fisso, quindi.
Come per Jean-Claude Luvini, 40enne di Pura, che dopo aver lavorato per alcune grandi aziende ha deciso di vendere caffè solidale proveniente dall’Uganda. "Non trovavo le motivazioni giuste, mi sentivo una rotellina in un ingranaggio - racconta -. L’idea di cambiare mi è venuta per caso, durante un viaggio in Africa. Ero andato per vedere le cascate del Nilo. Ma ho trovato le premesse per lanciare un progetto imprenditoriale". Jean-Claude Luvini ha quindi fondato la Masaba Sagl, società che oggi dà lavoro ad altre quattro persone. "All’inizio è stato difficile - aggiunge -. Sei uno sconosciuto senza clienti in un mercato già molto competitivo. Per fortuna ho avuto il sostegno di enti cantonali come Fondounimpresa o Innopark, ma è stata dura far fronte alle proprie responsabilità finanziarie. Ci sono voluti tempo e soprattutto grande impegno affinché si creasse un buon passaparola". Ora, a sette anni dalla fondazione di Masaba, la macchina è definitivamente avviata. "Non vorrei mai tornare al posto fisso - osserva - ed è proprio questo che mi motiva a dare il massimo".
David Mantonan, 42enne di Locarno, trova invece le sue motivazioni "nella soddisfazione dei clienti". Cinque anni fa ha creato la Gourmet Service, un servizio di consegna a domicilio di piatti cucinati da ristoranti convenzionati. "Non trovavo un lavoro fisso confacente alle mie aspettative - racconta - e allora ho deciso di lanciarmi in un’attività in proprio". Non è stato facile e non lo è nemmeno oggi. "Quando lavori per te stesso devi sempre rimetterti in gioco - spiega -. Non basta avere una buona idea, bisogna sempre cercare di adeguarsi alle nuove esigenze dei clienti. E si lavora sette giorni su sette, senza vacanze". Un sacrificio, ma anche uno stimolo. "Lavorare da solo mi fa sentire più vivo", osserva Mantovan.
La stessa sensazione che anima Antonio Bader, 38enne di Lugano. Cinque anni fa ha fondato Powergia Sagl, società di consulenza in ambito energetico, insieme a un compagno di studi zurighese. "Il lavoro d’ufficio era noioso - racconta -. Allora ci siamo detti, un po’ per gioco, perché non facciamo qualcosa? Non avevamo ancora famiglia e potevamo permetterci di rischiare". I due giovani hanno quindi identificato una nicchia di mercato e vi si sono gettati a capofitto.
"L’importante è lanciarsi, non perdersi in grandi progetti ma semplicemente provare - spiega -. All’inizio si fanno molti errori, è normale, ma col tempo si impara". Anche Powergia ha impiegato circa tre anni per trovare una certa stabilità. "Ogni tanto mi è capitato di pensare con nostalgia al posto fisso, alle otto ore lavorative e alle cinque settimane di vacanza - afferma -. Ma le soddisfazioni che dà una propria azienda sono impagabili". Un consiglio a chi vuole lanciarsi? "Farlo il prima possibile, meglio prima dei 30 anni. E guardare sempre dritto verso l’obiettivo".

a.s.
06.05.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo