L'analisi
Ci sarà più pulizia...
ma resta il sottobosco
PAOLO BERNASCONI


Specialità tutta svizzera: gli investimenti, la gestione del patrimonio e la consulenza non vengono svolti soltanto da parte delle banche, bensì anche da parte di professionisti che lavorano fuori dalle banche. Finora si chiamavano gestori patrimoniali esterni, mentre la nuova legge li mette tutti sullo stesso piano: i fornitori di servizi finanziari, i trustee ed anche i consulenti alla clientela.
Finalmente sono previsti requisiti di formazione professionale e di aggiornamento permanente, obblighi di trasparenza assoluta verso la clientela anche riguardo ai pagamenti, commissioni e retrocessioni, obbligo di evitare conflitti di interessi e di garantire il miglior risultato finanziario possibile nonché obblighi di rendiconto.
Grande novità: obbligo di informarsi sulle conoscenze e sull’esperienza del cliente (verifica della appropriatezza dell’investimento) nonché obbligo di informarsi riguardo alla situazione finanziaria e agli obiettivi di investimento del cliente (verifica dell’adeguatezza dell’investimento). In sostanza, il Parlamento adegua il diritto svizzero alle regole già in vigore da anni nell’Unione Europea.
Tante novità, tanti oneri nuovi, anche se piuttosto formali, per cui l’entrata in vigore è differita al 1. gennaio 2020. Si aspetta l’Ordinanza del Consiglio federale e la disciplina della Finma riguardo alle competenze degli organismi di sorveglianza di carattere privato. Si tratta di nuove organizzazioni professionali private che saranno distinte dagli organismi di autodisciplina antiriciclaggio già operativi dal 1998. Tutto bene, 25 anni di lavori preparatori?
Purtroppo, si manca il bersaglio: viene regolata una categoria professionale dove gli abusi sono rarissimi, mentre invece rimane totalmente scoperta una categoria professionale dove gli abusi sono molto più frequenti, come riferiscono ogni settimana anche le cronache ticinesi. In questo settore permane la prevenzione zero. Infatti, ogni abuso continua per anni senza che nessuna autorità se ne accorga. Ne fanno le spese, ogni anno, centinaia di vittime, sia svizzere che straniere.
La recente regolarizzazione fiscale della clientela non ha avuto gli effetti sperati. Infatti, sono ancora parecchi gli operatori sedicenti fiduciari e sedicenti finanziari, che canalizzano dal Ticino schiere di investitori verso dubbiose società a Londra (Londongrad), nelle Repubbliche Baltiche, nell’Europa Centrale e nei Balcani. Anche le cronache italiane continuano a riferire (come prima?, più di prima?) settimanalmente di retate in cui rimangono coinvolti anche operatori attivi in Ticino. Dichiarano che "tutti facevano così". Insultano tutta la loro categoria professionale. In realtà, sono soltanto poche pecore nere che hanno aiutato e continuano ad aiutare clienti stranieri e svizzeri a compiere reati fiscali che all’estero sono qualificati come appropriazione indebita, bancarotta e riciclaggio. Il lupo cambia la legge, ma non il vizio.
03.06.2018


Articoli Correlati
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin