Fra la gente di Losone alla vigilia del voto sull'accoglienza
"Si riapra la caserma
i profughi sono innocui"
PATRIZIA GUENZI


L’esperienza dovrebbe servire a qualche cosa. Abbiamo convissuto tre anni coi migranti qui a Losone e non ci sono mai stati problemi. Perché non continuare a dare fiducia alle istituzioni?". Sono le parole del parroco di Losone, don Jean-Luc Farine, che con piglio pragmatico invita tutti ad utilizzare la ragionevolezza e a infilare un sì nelle urne il prossimo 10 giugno: "La caserma può riaprire senza alcun problema".
Tuttavia, tra la gente di Losone nell’attesa della votazione c’è anche chi la pensa un po’ diversamente. La riapertura del centro d’accoglienza provvisorio, dalla primavera prossima per un triennio, provoca infatti i mugugni di una parte della popolazione. Mezze parole, frasi buttate là, ovviamente assicurandosi che il cronista non scriva nome e cognome. "Ci avevano detto che non avrebbe più riaperto - dicono -. Ci sentiamo presi in giro". Promesse non mantenute, quindi, e perciò riaffiorano le vecchie questioni, le stesse di quattro anni fa: la sicurezza e la salute pubblica. Uno dei pochi a parlar chiaro è il consigliere comunale Orlando Guidetti: "Negli anni in cui sono stati ospiti, ci sono stati molti retroscena che non sono mai stati raccontati - afferma -. Al di là delle belle parole del sindaco, numerosi gli interventi di polizia, per disordini ma anche per casi più gravi. E poi non dimentichiamo i furti". Scuote il capo il parroco. "Ah già, le birre che i migranti avrebbero rubato in un supermercato della zona - replica -. Non capisco come mai ora si ergano tutti a difensori di questo negozio, che è in grado di difendersi benissimo da solo. E poi, un po’ di cuore, un po’ di carità. Non dimentichiamo che la loro presenza ci ha arricchiti e non è successo nulla di tutto quello che in molti paventavano".
Ragioni di solidarietà e aiuto umanitario che sottoscrive anche Daniele Varini, veterinario a Losone. Ricorda bene quando vedeva tutti i giorni passare piccoli gruppi di profughi davanti al suo studio e ricorda pure quando alcune persone, infastidite dalla loro presenza, avevano addirittura chiesto di togliere le panchine pubbliche dove sedevano. "Lavoro e vivo a Losone, non hanno mai dato alcun disturbo - dice -. Inoltre non dimentichiamo che ci sono dei vantaggi economici e di manodopera, motivata e tutto sommato a buon mercato, per molti lavori di pubblica utilità". Vantaggi economici anche per il Comune, proprietario della caserma, che incasserà 600mila franchi di affitto annuo dalla Confederazione. Eppure, anche su questo c’è da ridire. "Ricevendo questi soldi - spiega Guidetti -, rischiamo di non avere più il contributo di perequazione. In questo caso, il Comune ci perderebbe e sarebbero ancora una volta i cittadini a metter mano al portafoglio per sopperire alle mancate entrate. Inoltre, se come dicono i favorevoli, si tratta di un gesto umanitario, allora facciamolo gratuitamente, non prendiamoli quei 600mila franchi l’anno".
Se dalle urne il prossimo 10 giugno uscirà un sì, il centro dovrebbe dunque aprire nell’aprile 2019 per almeno tre anni; in tutto, una capacità di accoglienza di 220/300 posti. La Caserma, comunque, sarà una soluzione in attesa che il nuovo centro di Novazzano-Balerna - uno dei sei centri federali d’asilo - sarà pronto. "Non dimentichiamo che sono uomini, donne e bambini in cerca di una vita migliore", riprende il parroco. Ma c’è chi, invece, teme un altro tipo di profughi, più problematici.  "Quelli che arriveranno non sono quelli di tre anni fa - osserva Guidetti -. Vengono dalla Tunisia soprattutto, e la maggior parte di loro sono migranti economici". In realtà ancora non si sa con certezza quali profughi saranno accolti nella Caserma di Losone. "Un fatto è sicuro - conclude don Jean-Luc -, abbiamo provato per tre anni ed è andato tutto bene. Quindi, perché non rifare l’esperienza?". p.g.
03.06.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.10.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) in vigore in Ticino e Moesano dal 26 settembre 2018, viene da oggi esteso anche alla Val Poschiavo
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta