Gli esperti di diritto sportivo sul caso Xhaka e Shaqiri
Immagini articolo
'Gesti inopportuni
ma... basta polemiche'
MAURO SPIGNESI


Al massimo si potrebbe configurare un comportamento antisportivo, sanzionabile con una multa. Ma non ne sono affatto certo". Quando l’avvocato Brenno Canevascini, esperto in diritto dello sport, ha visto in diretta Granit Xhaka e poi Xherdan Shaqiri fare il gesto dell’aquila è saltato sulla sedia. "Devo ammettere - aggiunge - che inizialmente non mi è sembrato un bel gesto. Se giochi per il tuo Paese non vai a spolverare simboli che riconducono alle tue origini. E anche io mi sono interrogato sulle possibili sanzioni. Poi ho scambiato qualche impressione con alcuni colleghi e amici, ho sentito le dichiarazioni di Xhaka e ho capito che alla fine di rilevante, sotto il profilo del regolamento sportivo, c’era poco. Naturalmente questa è la mia impressione".
Un’impressione, quella di Canevascini, che coincide con quella dell’avvocato luganese Giangiorgio Spiess, che sino al 2009 sedeva nel comitato esecutivo dell’Uefa accanto a Michel Platini. "Non ci trovo nulla di irregolare in quei gesti - dice il legale -. Peraltro difficilmente interpretabili, tenendo conto del momento e della situazione. Poi, in campo ci sono decine di telecamere e c’è il referto dell’arbitro a fare testo". Per Spiess, "si sta facendo troppa polemica, e in parte lo trovo squallido questo modo di fare. Io sarei per relativizzare quanto accaduto. Poi magari sarebbe giusto un intervento della nostra federazione per spiegare ai due giocatori che il loro era un gesto inopportuno. E tuttavia non vorrei che questo fatto andasse a sottrarre il valore sportivo dell’impresa compiuta dalla Svizzera".
Sulla questione che se giochi nel Paese che ti ha accolto e fatto crescere, in quello in cui ti sei identificato, non puoi poi mimare gesti che riconducono alle tue origini, è d’accordo anche Francesco Bianchi, ex arbitro internazionale, osservatore ed ex responsabile della Commissione arbitri in seno alla Federcalcio elvetica. "Il mio parere personale - spiega Bianchi - è che quanto compiuto da Xhaka e Shaqiri non è un comportamento sanzionabile o che può comportare squalifiche. Al massimo si può arrivare a una multa. Ma questo non è il mio campo e oltre non posso andare". Secondo Bianchi in sede di giudizio, tuttavia, potrebbero entrare in ballo una serie di attenuanti. "Come il fatto che in campo si vivono emozioni forti che spesso non ti fanno restare lucido e ti portano a commettere gesti forse inappropriati - osserva -. Però, come mi è parso di capire nelle dichiarazioni post gara, il gesto era legato più alle radici, all’etnia, non aveva un significato politico". Anche Bianchi è comunque del parere che la federazione dovrebbe chiedere di evitare certi comportamenti che si prestano alle polemiche. "Sul gesto specifico - nota Spiess - non credo che la Fifa possa interpretarlo come provocatorio". Tuttavia, la Fifa è sempre stata piuttosto intransigente verso ogni tipo di messaggio, riferimento o esultanza che racchiude un significato politico.

m.sp.
24.06.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur