Con un tasso sotto il 3% poche occasioni per le imprese
Immagini articolo
Cala la disoccupazione
e viene meno l'offerta
MAURO SPIGNESI


Lo aveva detto neppure tre settimane fa: "L’affluenza dei frontalieri è quella che rende possibile alle aziende trovare personale qualificato". Alberto Siccardi, imprenditore fra i più attivi in Ticino, aveva commentato così sul Caffè il calo progressivo della disoccupazione, scesa sotto la quota fisiologica del 3 per cento. Un dato che se da una parte è sinonimo di salute, dall’altra tuttavia è il segnale di un possibile cortocircuito economico, come hanno spiegato più volte gli economisti e come ha ribadito uno studio di Credit Suisse di qualche giorno fa. Perché con pochi disoccupati la manodopera scarseggia e diventa difficile attingere dal mercato locale, sempre meno assortito, visto che buona parte dei senza lavoro hanno una bassa formazione. Ed ecco perché le imprese guardano oltrefrontiera. Come ha spiegato anche un altro imprenditore ticinese, Emanuele Centonze, ammettendo di non riuscire a trovare professionisti nei settori della qualità e della sicurezza. Ma ora, con l’iniziativa di Como e Varese, anche questa enorme risorsa di professionisti, un bacino di migliaia di persone con una formazione pagata dall’Italia e che la Svizzera in questi anni ha portato via praticamente a costo zero, rischia seriamente di scomparire.
Un po’ l’effetto della ripresa generalizzata. Un po’ il nuovo rapporto di cambio fra euro e franco. Un po’ un’altra serie di coincidenze geopolitiche che spingono l’industria delle esportazioni. Fatto sta che  gli ottimi ritmi di crescita, potrebbero fare i conti con la mancanza di manodopera, tenendo conto appunto della disoccupazione bassa (circa cinquemila senza lavoro) e delle porte socchiuse del mercato dei professionisti stranieri. E sarebbe, appunto, un problema.
In Ticino attualmente ci sono oltre 235mila occupati, a fronte di 4.208 disoccupati ufficiali e 8.075 persone (3.867 hanno un lavoro) in cerca di un impiego. Sono, invece, 789 i disoccupati di lunga durata (oltre un anno) registrati presso gli Uffici regionali di collocamento, alcuni non immediatamente reinseribili in una azienda. Tra gli occupati i frontalieri sono il 27 per cento della forza lavoro, circa 65mila, concentrati in prevalenza nei settori terziario (oltre 40mila, in particolare nel commercio, nella sanità e nella ristorazione) e secondario (oltre 23mila, soprattutto nel manifatturiero).
I settori più toccati dalla disoccupazione sono quelli delle professioni commerciali e amministrative, con 688 disoccupati e personale di hotel e ristoranti, con 612 persone in cerca di un posto. Seguono commercio ed edilizia, settore quest’ultimo dove a fronte di 195 tagli di diverse imprese si sono tuttavia aperte nuove prospettive per 119 operai.
Altro dato interessante. A fine maggio i posti vacanti annunciati presso gli Uffici regionali di collocamento erano 567, ma non si tratta di un dato esaustivo, lo spiega lo stesso Cantone che parla di "una parte minima dell’offerta globale realmente esistente sul mercato". Si tratta di profili professionali spesso difficili da reperire sul mercato, soprattutto per quanto riguarda nuovi settori, come l’informatica, l’ecommerce che sta registrando un successo diffuso, o la moda che sta continuando ad attrarre piccole e medie imprese.

m.sp.
01.07.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin