function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Imprese e sindacati giudicano il piano "Aree di confine"
Immagini articolo
'Serve più formazione
ma pure salari migliori'
MAURO SPIGESI E ANDREA STERN


Se dovesse andare in porto, il progetto italiano potrebbe essere dannoso per l’economia ticinese - avverte Fabio Regazzi, presidente dell’Aiti -. Purtroppo la tendenza è quella di considerare il frontalierato solamente come un fenomeno di manodopera a basso costo, ma la realtà è ben diversa". Per molti settori dell’economia ticinese è fondamentale poter contare sul Nord Italia, un vasto bacino che offre risorse formate e capaci. Persone che, attratte dalle remunerazioni svizzere, scelgono ogni mattina di passare la frontiera. "Capisco la frustrazione delle aziende della fascia di confine che faticano a trovare persone altamente qualificate - osserva Regazzi -. È un po’ come per quelle squadre di calcio che formano i talenti e poi se li vedono portare via dai club più blasonati. Ma non è con degli incentivi fiscali che si attenuerà questo esodo". Poiché questa situazione è figlia di una crisi profonda che sta attraversando l’Italia. "Per risolverla non bastano dei palliativi, serve - dice ancora Regazzi - una vera ripresa economica che muova il mercato".
Come lo era ancora non molti anni fa. "Ricordo che in Lombardia prima della crisi il tasso di disoccupazione era inferiore a quello del Ticino - dice Regazzi -. Oggi non è più così e allora chi ha una certa formazione ed esperienza viene a bussare alla porta in Ticino". Dove i posti di lavoro non mancano. "Abbiamo un numero molto importante di impieghi rispetto alla popolazione - spiega Regazzi -. Non potremmo mai coprirli tutti. Certo, abbiamo margini di miglioramento per quanto riguarda la formazione. Oggi spesso si privilegia quella universitaria, magari con risultati non brillanti, invece di quella professionale, che offrirebbe molte opportunità. Ma è chiaro che in certi settori la manodopera ticinese non sarà mai sufficiente. I frontalieri sono quindi fondamentali".
Calcolandola al lordo, la busta paga di un lavoratore lombardo (più alta del 15 per cento della media nazionale italiana) rispetto a quella di un ticinese, single e senza figli, sta tutta nella differenza del cuneo fiscale, cioè la somma di imposte sul reddito e i contributi sociali. Secondo i dati di Confartigianato, il primo paga il 47.8% in media, il secondo il 21.8%. Ed è su questo aspetto che in Italia vogliono fare leva. Secondo Andrea Puglia, responsabile dell’ufficio frontalieri Ocst, "il problema sta proprio nei salari, troppo bassi in alcuni settori, per cui uno svizzero non riuscirebbe a mantenersi. È lì che bisogna intervenire, altrimenti la forza lavoro locale eviterà sempre certi impieghi". Inoltre, spesso le aziende fanno capo alla manodopera italiana perché qui non trovano profili adatti. "Ad esempio nel settore sanitario - aggiunge Puglia - capita sovente di assumere personale specialistico dall’Italia. Capisco pure l’Italia si arrabbia perché forma personale che poi se ne va in Ticino".
Per Sergio Aureli, responsabile settore frontalieri di Unia e vicepresidente del Consiglio sindacale interregionale, l’associazione formata da sindacati italiani e ticinesi, "è chiaro, ed è anche banale dirlo, che un lavoratore a parità di condizioni resta a casa sua. Ma il presupposto per qualsiasi discorso è il lavoro. I frontalieri sono venuti in Ticino perché qui hanno trovato un’occupazione che a Como e Varese non c’era, o non c’era più per effetto della crisi. Ora che progetti come "Aree di confine" possano funzionare non lo so, per cambiare le condizioni quadro servono decisioni strutturali e garanzie sul futuro. Altrimenti il lavoratore non lascia un posto per un altro, anche se vicino a casa".  
Per Aureli, poi, è vero che la Svizzera ha preso molti professionisti già formati, "ma è altrettanto vero che qui da noi vengono apprendisti italiani e studenti che si laureano nelle nostre università. La formazione è finalizzata alla persona. Non puoi sapere se poi quella persona resterà sul territorio".  a.s./m.sp.
01.07.2018


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00