Il nuovo contributo della piazza finanziaria per Lugano
Immagini articolo
La sfida delle banche
per far crescere la città
MAURO SPIGNESI


C’era un tempo in cui la piazza finanziaria ticinese, in particolare le sue banche, era gonfia di soldi. Denari che arrivavano ininterrottamente dall’Italia. E che garantivano a Lugano un gettito fiscale attorno a 55 milioni di franchi. Ma soprattutto creavano un indotto che ricadeva sui negozi, e non solo di via Nassa, sui ristoranti e nel settore immobiliare, dove molti investitori, in particolare lombardi, avevano puntato acquistando appartamenti. Poi, progressivamente, la piazza finanziaria si è ridimensionata. Diverse banche hanno chiuso, molti posti di lavoro sono stati tagliati. "E così oggi la sfida per noi è quella di mantenere sul territorio le nostre attività e continuare a garantire un servizio di qualità ai nostri clienti", spiega Alberto Petruzzella che quegli anni d’oro li ha vissuti prima lavorando all’Ubs e poi a capo di Credit Suisse in Ticino, sino a diventare presidente dell’Associazione bancaria ticinese.
E Petruzzella continua: "Oggi la piazza finanziaria, dove la stragrande maggioranza dei nostri clienti hanno lasciato i soldi dichiarandoli in maniera trasparente, può aiutare Lugano, può dare una spinta allo sviluppo della città se verrà trovato un accordo con l’Italia. Un accordo che secondo noi deve prevedere la possibilità di continuare a gestire i clienti in Ticino, mentre Roma vuole che le nostre banche aprano sedi operative nel suo territorio".
In pratica, se dovesse passare quest’ultima ipotesi, ci sarebbe da una parte il trasferimento soprattutto a Milano di personale qualificato e poi dal punto di vista fiscale, si assisterebbe inevitabilmente a un ulteriore impoverimento del gettito di imposte destinato alla città. Oggi Lugano, terza piazza dopo Zurigo e Ginevra, ospita 54 banche e 6.000 aziende attive nel settore fiduciario, immobiliare e finanziario. "Per questo - nota Petruzzella - è importante vincere questa battaglia. Senza dimenticare, poi, che noi qui assicuriamo stabilità, qualità e le nostre banche sono una garanzia per i clienti italiani".

m.sp.
02.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14