Luca Merlini, direttore del nuovo Istituto di Imaging
"Garantite la prossimità
e la qualità delle cure"
PATRIZIA GUENZI


Una corazzata di 44 radiologi dell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc) sarà impegnata nel nuovo Istituto di Imaging della Svizzera Italiana (Iimsi). Il più grande in Svizzera, grazie alle innovazioni nella telemedicina che permette a tutte le sedi dell’Eoc di lavorare costantemente in rete. "Nella medicina si sta andando sempre più verso una specializzazione - spiega Luca Merlini, direttore dell’ospedale La Carità di Locarno e direttore del nuovo Iimsi -. Questa struttura non sarà ospedale-centrica, bensì trasversale, con un team di specialisti cantonale". Una struttura che non apparterrà a nessuno, nel senso che sarà di tutte le sedi dell’Eoc, con un parco macchine globale di 43 milioni di franchi a cui se ne aggiungono altre decentrate, per circa 5 milioni, suddivise ad esempio nelle varie sale operatorie e nei reparti di cura dell’Ente. "Si tratta di un nuovo modo di lavorare che permette di avere una maggiore casistica e di conseguenza più qualità", sottolinea Merlini.
Più qualità, maggiore specializzazione. Le "immagini" del paziente saranno refertate da radiologi specialisti competenti per quell’organo o apparato specifico. "E sarà proprio il team a fare la differenza - riprende il direttore -. Quello dell’one man show generalista è un modo di lavorare sorpassato. Il nostro obiettivo è quello di centralizzare le competenze, sì, ma dentro un gruppo di esperti radiologi, costantemente a disposizione del paziente in qualsiasi ospedale si rechi per fare un esame. C’è il vantaggio della prossimità e la sicurezza di avere la competenza del miglior specialista, 24 su 24, garantita dai picchetti". Tutto ciò grazie alla digitalizzazione. Il paziente va a Mendrisio a fare l’esame, ma a refertare sarà lo specialista che si trova a Locarno.
Vantaggi pure dal punto di vista finanziario. "L’Istituto di Imaging permetterà di avere costi di acquisto ottimizzati per tutti i macchinari, saremo un interlocutore unico per l’industria della tecnologia medica. Se oggi l’ospedale A ha un tipo di macchina, in futuro le tecnologie della Tac e delle risonanze saranno tutte uguali. Aggiungendo forza al nostro potere contrattuale. Diventeremo pure un partner interessante per la ricerca, le nostre competenze attireranno maggiori specialisti".
Si parte a gennaio. Già individuati progetti e obiettivi. "Andremo avanti passo passo, una cosa dopo l’altra - spiega Merlini -. Nel primo anno vogliamo anzitutto implementare la nuova organizzazione per organo, andando a creare uno spirito di istituto e di gruppo e motivare chi dentro l’Eoc era abituato a lavorare solo nel proprio ambito. Per i dipendenti sarà sicuramente un cambiamento, questo è normale. Un cambiamento culturale di comportamento anche dirigenziale, che dovrà portare tutti a vivere l’Eoc e non il singolo ospedale. Ci siamo dati tre anni di consolidamento". Un’unica politica organizzativa che, per forza di cose, imporrà un intenso rodaggio. "Riuscire a far interagire gli specialisti e rendere più interattivi i rapporti interpersonali, grazie alla tecnologia, ci permetterà di fare un importante salto qualitativo".
02.12.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"Su Argo 1 il governo
ha delle responsabilità"
L'INCHIESTA

Interessi immobiiari
dietro i milioni in pista
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La giovane Greta
contro le energie fossili
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit un divorzio
che non avrà vincitori
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Otto appuntamenti
nel mondo che muta
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023.
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018
20.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2018
18.12.2018
Licenziato il messaggio relativo all’approvazione del Piano cantonale delle aggregazioni
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
10.12.2018
Monte Mondada/Spruga-Onsernone - coordinate 686/117 - Predazione 1 capra
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ungheria
di nuovo
in piazza
contro Orban

Messico:
65 morti
durante furto
di combustibile