Lo spaccio nel parco della clinica psichiatrica di Mendrisio
Immagini articolo
"Qui niente cocaina
abbiamo solo l'erba"


Dieci minuti e torno con l’erba. Bisogna però pagare in anticipo. In mancanza di fiducia, posso lasciare il mio borsellino". Johnny ha 28 anni. È ricoverato nella clinica psichiatrica cantonale e si è appena fumato uno spinello in compagnia di altri 4 pazienti, dopo averlo arrotolato davanti ai bagni, a fianco al bar. Sotto la luce artificiale di un corridoio. Nel frattempo una paziente esce dalla toilette, guarda il gruppetto e se ne va. Fuori, a pochi metri dalla mensa, Johnny passa la "canna" agli altri, come se nulla fosse.
L’acquisto della droga avviene invece all’esterno del parco. "Da un contatto che ho altrove", specifica Johnny, che spiega di aver fatto dentro e fuori dal "manicomio" diverse volte. "Non vendo cocaina - precisa - per quella bisogna andare al parco Ciani di Lugano dai tossici, stando attenti a non farsi fregare. Altrimenti in via Odelscalchi a Chiasso. Lì si fanno tutti ma bisogna conoscere la porta giusta a cui bussare, se no non  aprono".
Johnny minimizza. "Non è una vera e propria ‘piazza’ questa". Anche se poi rivela che per avere l’erba si possono dare 50 franchi a una persona che lavora nella clinica. Sarà vero? Altre testimonianze parlano di eroinomani che si bucherebbero in stanza. Di spacciatori che si farebbero ricoverare apposta per vendere le sostanze all’interno della struttura. E di pazienti che rivenderebbero le medicine. Situazioni che sarebbero state segnalate alla direzione, che dal canto suo (vedi articolo a lato) spiega che davanti a denunce e casi concreti viene interpellata la polizia e che  questo tipo di dipendenze alcune volte sono legate alle patologie dei pazienti. Pazienti difficili.
Quel che è certo è che acquistare stupefacenti a Casvegno non è difficile. A volte basta mezza mattinata. Del resto è sufficiente guardare nei posti giusti. E rendersi conto di persona della presenza di avanzi di canne, bustine e cucchiai di plastica, cartine e filtrini gettati per terra, visibili a chiunque.
Johnny ha gli occhi rossi e il viso segnato dall’acne. Uno dei suoi amici ha lo sguardo basso. Parla poco. Un altro ascolta musica. Tutti sono ricoverati e non fanno fatica a procurarsi la droga senza tanti controlli. "La polizia ogni tanto passa in auto, non si ferma mai, in pratica non esiste", sottolinea Johnny. Opposta è invece la versione della comunale di Mendrisio (vedi articolo sotto). Fino a pochi anni fa c’erano gli agenti di sicurezza privata. Oggi sono spariti.
Di sicuro Johnny e i suoi amici non si nascondono. Parlano di stupefacenti camminando nel parco. "Devo trovare 30 franchi per farmi una canna", dice l’amico taciturno a Johnny verso le 10.30 di mattina. Fumano a due passi dal caseggiato principale. Sulle gradinate che più volte al giorno sono attraversate dagli studenti che frequentano la vicina scuola per operatori sanitari. E a meno di venti metri dal parco giochi, dove passano il tempo le famiglie con i loro figli. Le nuvole di fumo aleggiano sulle loro teste anche quando i pazienti raggiungono la mensa.
L’attività a cielo aperto è ben conosciuta  dai giovani del Mendrisiotto. Che sanno benissimo come l’erba è Casvegno.
"Conoscono molti amici che vanno al "neuro" a comprare marijuana - conferma Isabella, 18enne di Morbio - tra noi lo sappiamo veramente tutti, è un po’ l’uovo di Colombo. Strano che nessuno faccia niente".
Un’impressione condivisa  dal deputato leghista Massimiliano Robbiani che lo scorso ottobre ha inoltrato un’interrogazione al Consiglio di Stato "È vergognoso - scriveva - che l’illegalità sia tollerata dalla direzione dell’ospedale, dalla direzione dell’Organizzazione socio psichiatrica cantonale e dalla direzione del Dipartimento competente". Una interrogazione sulla situazione, inoltre, è stata presentata a novembre dal deputato comunista Massimiliano Ay.

b.a.
13.01.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento