Sonde intestinali, protesi... troppo spesso con germi
Immagini articolo
Molti pazienti infettati
da apparecchi sporchi
PATRIZIA GUENZI


Avete appena subito un intervento. Pensate che il peggio sia ormai passato. Vi sbagliate. In Europa, ogni anno, sono oltre novantamila le persone che dopo una degenza ospedaliera sviluppano un’infezione. E per alcune di loro significa affrontare un vero e proprio calvario. Stando ai dati dell’Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità negli ospedali e nelle cliniche (Anq) e di Swissnoso, centro nationale per la prevenzione delle infezioni, dall’ottobre 2015 al settembre 2017, oltre 57mila sono stati i casi di infezione recensiti in Svizzera, in 168 ospedali, dopo un intervento. Dispositivi medici e apparecchi contaminati, sarebbero tra le ragioni principali: endoscopi flessibili, sonde intestinali, protesi ortopediche, pacemaker, defibrillatori, infusori, erogatori di insulina, retine per il contenimento delle ernie...
A quanto pare, gli standard dei test di questi dispositivi sono spesso parecchio inferiori a quelli previsti per i medicinali, i produttori farebbero la spola tra le numerose agenzie di certificazione fino a quando non ne trovano una che dia loro l’ok; può pure capitare che dei dispositivi dichiarati fuori legge in un Paese possano essere venduti in altri. Fatto è che nel mondo sono milioni le persone costrette a convivere con dolori e lesioni causate da impianti difettosi o di dubbia qualità.
Oltre ai fabbricanti disonesti, può pure capitare che gli ospedali non lavino correttamente i loro dispositivi. Lo conferma l’enorme aumento delle infezioni nosocomiali dopo un intervento di chirurgia intestinale. Stando alle statistiche di Anq, su 270 interventi tra ottobre 2016 e ottobre 2017 un paziente su cinque è stato infettato. Un aspetto sensibile è il trattamento, la pulizia e la disinfezione degli endoscopi, quelle sonde che il medico inserisce nel corpo, ad esempio per esaminare l’intestino del paziente ma anche per fare interventi minimi e poco invasivi. Se non sono perfettamente puliti possono causare infezioni. Gli ospedali utilizzano a volte dei disinfettanti non sufficientemente potenti e i germi del paziente precedente restano sull’apparecchio. Uno dei batteri più temibili è  il Mycobacterium chimaera, che in Svizzera ha infettato almeno una dozzina di pazienti, un centinaio in tutto il mondo. Tutti hanno subito una chirurgia cardiaca. Il colpevole sarebbe un apparecchio per regolare la temperatura del cuore.
Molto importante è anche il modo in cui si conservano gli endoscopi. Necessari degli armadi con una chiusura ermetica, una buona ventilazione e un filtro. Capita invece che le sonde intestinali siano infilate da qualche parte in vecchi armadi di legno e non ventilati. A volte senza protezione e a contatto con altro materiale sanitario. Da più parti si auspicano sanzioni più severe per gli ospedali che non si attengono alle più elementari norme di igiene. Swismedic intende lanciare quest’anno una campagna speciale, mirata soprattutto al corretto stoccaggio e all’igiene degli endoscopi.   p.g.
13.01.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento