Polemiche dopo il caso dell'ex sacerdote di Aadorf
Via subito la tonaca
ai parroci pedofili
FRANCO ZANTONELLI


Come l’ex-parroco di Gordola, don Italo Casiraghi. Il quale, nonostante una condanna, in Ticino, per "ripetuti atti sessuali su fanciulli" è tornato a fare il prete a Pietra Ligure, in Italia. Ebbene, un caso analogo è emerso, di recente, nella Svizzera tedesca. Riguarda un sacerdote della località turgoviese di Aadorf, arrestato nel 2012 per aver molestato un adolescente e successivamente condannato. A sei anni dai fatti si è scoperto che, il prossimo 10 febbraio, quel prete, oggi 48 enne, dovrebbe insediarsi nella parrocchia cattolica di Riehen (Basilea Città), grazie all’autorizzazione concessagli dal Vescovo di Basilea e presidente della Conferenza Episcopale Svizzera, Felix Gmür. "Il rapporto degli esperti - ha detto il prelato - ha indicato che il rischio di recidiva si fissa a uno, su di una scala che va da uno a nove".
A titolo cautelare, nell’autorizzazione concessagli perchè possa riprendere la sua attività pastorale, Monsignor Gmür ha posto una condizione. Ovvero ha preteso che non possa svolgere alcuna attività con i bambini e che informi l’autorità parrocchiale di Riehen dei suoi precedenti penali. Alla trasmissione "10 vor 10" il vescovo ha spiegato le ragioni che lo hanno portato a concedere una seconda opportunità al prete macchiatosi di un reato così odioso. "Era giusto - ha detto - consentirgli di reinserirsi nella società. D’altronde questo è l’obbiettivo del nostro sistema giudiziario".
La vicenda, tuttavia, ha avuto nel frattempo un’alta eco mediatica, con il risultato che il suo protagonista ha rinunciato alla seconda opportunità offertagli da Monsignor Gmür. Rimane il problema di cosa fare dei sacerdoti protagonisti di storie come questa. Per Jacques Nuoffer, psicoterapeuta di Sapec, un’associazione che fornisce sostegno a chi ha subito abusi da parte di religiosi, dopo che la Chiesa ha proclamato la tolleranza zero nei confronti dei preti pedofili, questi ultimi dovrebbero venire ridotti, senza alcuna eccezione, allo stato laicale. "Si tratta - la sua tesi - di persone con difficoltà psichiche e sessuali, che devono cambiare per forza ambiente".
Più duro il giudizio, espresso al Caffè dal granconsigliere ppd Alex Pedrazzini, da sempre in prima linea nella lotta ai pedofili. Riferendosi all’ex-parroco di Aadorf afferma che "se avesse un minimo di dignità e volesse far del bene al resto dell’umanità dovrebbe smettere di fare il prete e andare nel deserto ad aiutare gli animali a sopravvivere combattendo al loro fianco l’afa, la sete, la fame e le minacce dei predatori". Pedrazzini, in un suo recente intervento in Parlamento, a nome del suo gruppo, a sostegno dell’iniziativa cantonale "Basta pene ridicole per i reati contro l’integrità sessuale", ha ricordato un’affermazione particolarmente forte, rilascicata tren’anni fa a Le Matin Dimanche all’epoca in cui dirigeva il penitenziario cantonale vodese. "Ha sentito - gli disse l’intervistatore - che un pedofilo incarcerato a Champ Dollon ha chiesto formalmente scusa alle sue vittime?". "Il miglior modo per lui per chiedere scusa sarebbe quello di suicidarsi", la replica di Pedrazzini. Diciamo che tra questa soluzione e il reintegro in una comunità analoga a quella in cui ha già dimostrato la sua pericolosità sociale, anche per il pedofilo ci deve essere una via di mezzo.
Intanto, è recente la proposta ai vescovi di un gruppo di esperti di obbligare anche i preti a presentare il proprio casellario giudiziale.
03.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14