Quando si può fare il nome dell'imputato e quando no
Immagini articolo
Non tutti i condannati
sono uguali sui media
ANDREA STERN


Loro sì, lui no. Una disparità di trattamento apperentemente inspiegabile. Dovuta esclusivamente, spiega l’avvocato Paolo Bernasconi, alle modalità con le quali le diverse persone sono state giudicate. Facciamo alcuni esempi. Nel 2015 si poté leggere sui giornali il nome di un consigliere comunale ppd di Chiasso condannato a una pena pecuniaria sospesa per aver rubato del polistirolo in un cantiere. Un bottino del valore di circa 12 franchi. Quindi un furto irrisorio, ma sufficiente a intaccare l’immagine pubblica dell’uomo. Che, in seguito lasciò la politica.
L’anno prima era stata resa nota l’identità di un altro consigliere comunale di Chiasso, leghista, condannato a una pena pecuniaria sospesa per atti sessuali con fanciulli. Anch’egli lasciò la politica. Più di recente, all’inizio dello scorso mese di dicembre, tutti i media hanno pubblicato il nome di un consigliere comunale leghista di Lugano condannato a una multa di 500 franchi per molestie sessuali telefoniche ai danni di alcune donne. E subito dimessosi dalla carica che ricopriva da una decina d’anni.
Resta invece ignota, almeno sui media tradizionali, l’identità dell’ex funzionario del Dss ed ex consigliere comunale ps di Lugano condannato lo scorso 29 gennaio per coazione sessuale. "Il giudice ha potuto vietare ai media di divulgarne il nome - afferma l’avvocato Bernasconi - perché il processo si è tenuto a porte chiuse. Se il processo fosse stato aperto al pubblico, nessuno avrebbe potuto impedire alla stampa di riferire l’identità del condannato". La stessa regola vale per le persone condannate con decreto d’accusa. Un atto giudiziario che in se non sarebbe pubblico. Ma che lo diventa se qualcuno lo trasmette ai media. E a questo punto nessuno può impedire loro di riferire il nome del condannato.
L’avvocato Bernasconi riconosce tuttavia che la situazione andrebbe meglio chiarita a livello legale. "Oggi c’è una disparità di trattamento inspiegabile e inammissibile - osserva -. In materia di reati sessuali ci vorrebbe una norma a protezione della personalità delle vittime, indipendentemente da come vengono giudicati i colpevoli".

a.s.
10.02.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
02.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 ottobre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
19.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2019
17.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2019
11.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2019
09.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2019
04.09.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 16 settembre prossimo
03.09.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2019
02.09.2019
Aggiornati e completati i dati sugli impianti di depurazione delle acque [www.ti.ch/oasi]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Brexit è legata
al concetto di sovranità
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Forze turche
bombardano
per sbaglio
quelle Usa

Manifestanti
attaccano
la sede di Total
a Parigi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00