Dal 18 al 22 giugno conferenza sui linfomi maligni
Oncologi mondiali
riuniti a Lugano
PATRIZIA GUENZI


Il successo e il richiamo della Conferenza internazionale sui linfomi maligni (18-22 giugno), appuntamento di riferimento per tutti gli esperti del settore, sta tutto nelle iscrizioni. Di fatto, già chiuse. Il numero massimo di partecipanti che la struttura può accogliere è già stato raggiunto. E così, il 15° appuntamento con i vertici della medicina oncologica, organizzato in collaborazione con l’Istituto oncologico di ricerca (Ior) dell’Ente ospedaliero cantonale, richiamerà a Lugano almeno 3.500 partecipanti, numero massimo che gli organizzatori riescono a gestire, sia per la logistica del Palazzo dei Congressi che per la disponibilità di camere di albergo utilizzabili. Se non fosse per questi limiti, sicuramente il numero dei partecipanti sarebbe ancora ben superiore. E anche questa volta arriveranno dai cinque continenti, la scorsa edizione ben novanta Nazioni erano rappresentate tra i partecipanti.
Per quanto riguarda il programma è stata già definita la parte su invito. Ovvero, le tre sessioni più prestigiose del congresso, le sessioni in cui i più grandi esperti mondiali tengono delle vere e proprie lezioni (che non per niente si chiamano "Meet the Professor") presentando lo "stato dell’arte" su specifici aspetti dell’ampissimo spettro delle neoplasie linfatiche; le sessioni di confronto e discussione tra esperti e con il pubblico su veri casi clinici, che questa volta vedranno confrontarsi medici texani e spagnoli, in quello che è ormai diventato un tradizionale "Us vs Europe debate". In programma anche sessioni organizzate congiuntamente con altre realtà internazionali (in particolare, l’Associazione americana di ricerca sul cancro, la Scuola europea di oncologia, l’Unione degli studiosi di linfomi cinesi, la Fondazione Ibsa per la Ricerca scientifica) e sessioni dedicate a tematiche particolari, come i due workshop sulla radioterapia per i linfomi e il workshop sui linfomi nei cani, organizzati dalle rispettive società internazionali
Quest’anno il  congresso si tingerà di verde. L’organizzazione ha deciso di investire una somma per l’acquisto di "certificati di compensazione" che serviranno per "ripagare" il danno ambientale causato dall’arrivo della maggior parte dei partecipanti in aereo, quest’ultimo uno dei principali responsabili dell’aumento di gas nocivi nell’atmosfera.
03.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur