La ricetta di Santésuisse contro l'esosità di certe cure
Immagini articolo
Ecco come risparmiare
300 milioni sui farmaci
PATRIZIA GUENZI


Le cifre di Santésuisse, il principale organo mantello delle casse malati, sono più che eloquenti. Tra il 2015 e il 2017, è stata autorizzata la vendita di svariati farmaci antitumorali molto costosi che ne hanno rimpiazzati altri già sul mercato, molto probabilmente meno cari. E così, tenuto conto dell’aumento dei casi di cancro diagnosticati e la tendenza a trattamenti personalizzati, su misura super costosi, la spesa per l’assicurazione di base nel corso dello stesso periodo è lievitata di oltre il 40 per cento. "Certo, i farmaci oncologici sono molto cari, troppo cari, soprattutto rispetto ad altri Paesi - dice Matthias Müller di Santésuisse -. I prezzi andrebbero rivisti più spesso, non solo ogni tre anni. Basti dire che i generici costano il doppio in Svizzera".
Comunque sia, è un’illusione pensare che in futuro la spesa per combattere il cancro potrà diminuire. I passi avanti compiuti nella ricerca genetica che permettono di capire meglio la malattia e i meccanismi che stanno dietro, le cure sempre più intelligenti e personalizzate, le chemioterapie e le terapie mirate, scelte non più solo in base al posto in cui si sviluppa il tumore ma anche in relazione alle sue caratteristiche molecolari... tutto ciò farà giocoforza lievitare sempre più la fattura della sanità.
Che fare? Santésuisse, dice, si sta impegnando anche a Berna per ribadire l’ineconomicità di certi preparati. "A pesare non poco sul prezzo finale dei medicinali anche il trasporto, lo toccaggio e i margini di guadagno delle farmacie - riprende Müller -. Se li riducessimo, sull’insieme dei farmaci utilizzati in un anno (non solo oncologici) si potrebbero risparmiare 300 milioni di franchi e abbassare i premi dell’1%. E questo è solo un piccolo esempio".
Ogni anno in Svizzera vengono diagnosticati più di 40mila nuovi casi di tumore. E oltre una persona su cinque sviluppa un cancro prima dei 70 anni. Dalla metà degli Anni ’90 il tasso di nuovi casi rimane relativamente stabile tra le donne, mentre tra gli uomini, dopo essere aumentato, è ora in diminuzione. In calo anche la mortalità. Eppure, la spesa per le cure oncologiche è in continua ascesa. Costi proibitivi. Ecco perché quando una cassa malati non rimborsa una terapia, a volte questa non è nell’elenco di quelle autorizzate, è utilizzata per altre indicazioni o ancora in fase sperimentale, il paziente rinuncia alla cura. Pagare di tasca propria è per pochi. È capitato lo scorso luglio a un ragazzino di 12 anni affetto da un raro sarcoma, la sua assicurazione non voleva pagare la terapia anti-recidiva. Salvo poi, fortunatamente, cambiare idea. Ma non sempre capita
03.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00