Servono cinque generazioni per superare il ceto d'origine
Immagini articolo
L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
LIBERO D'AGOSTINO


Cinque generazioni. Per un bambino nato in una famiglia svizzera a basso reddito e scarsa istruzione ci vogliono in media ben 125 anni, prima che un suo discendente possa raggiungere una posizione economica più elevata. È la stima dell’Ocse, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, che nella sua ultima classifica sulla mobilità sociale, accomuna la Confederazione al Regno Unito, Usa, Italia e Austria.
Sottovalutazione del merito, come molla della promozione individuale, croniche disparità economiche e formazione insufficiente, spiegano sociologi ed economisti, hanno fortemente rallentato, se non bloccato del tutto, l’ascensore sociale anche in Svizzera. Le possibilità di un giovane di accedere ad una classe superiore, rispetto a quella dei propri genitori, non sono aumentate. Oggi ci riescono solo  quattro persone su dieci. "Il che significa che il 40% resta nella stessa posizione, mentre il 20% scende ancora più in basso", sottolinea uno studio di Julie Falcon, sociologa dell’Università di Losanna (vedi articolo in basso)."Il dato veramente nuovo è che l’ascensore sociale precipita in basso anche per i ricchi. Sono dinamiche socio-economiche internazionali che sfuggono al controllo dei singoli Stati - afferma il sociologo Sandro Cattacin -. Non ci sono più certezze e lo status dei genitori non può garantire nulla. L’ascesa sociale ora è legata soprattutto alla mobilità territoriale".
Insomma, la fondata speranza che i propri figli possano salire rapidamente i gradini della scala sociale, che si era affermata nel secondo dopoguerra, ora è un’illusione. Non solo ci vuole molto più tempo per guadagnare qualche posizione, ma si può ricadere in basso molto più velocemente. Soprattutto in Ticino. "Qui il mercato del lavoro è, infatti, più fragile e precario", osserva l’economista Sergio Rossi.
Secondo Rossi, è difficile stimare se ci vogliono davvero 125 anni per un significativo salto sociale. Certo è che per almeno un paio di generazioni la situazione dei giovani sarà peggiore di quella dei loro genitori, e non solo a causa di un problema di formazione. "Guardando proprio al Ticino - spiega - si nota che negli ultimi anni sono aumentati i giovani che vanno al liceo e all’università. Ma, poi, si trovano davanti alle strettoie di un mercato del lavoro che non offre loro posti a sufficienza o solo impieghi mal retribuiti, per cui se  studiano fuori cantone, una volta laureati restano là anche a lavorare".
Che ci sia, però, qualcosa che non funziona nella formazione è evidente, avverte un altro economista, Angelo Geninazzi: "Se analizziamo la situazione ticinese, significa che il modello della scuola integrativa, e non selettiva, è fallito. I ragazzi restano inchiodati ai blocchi di partenza delle gerarchie sociali. Ma credo ci sia un problema che va oltre la formazione. Manca la capacità di promuovere lo spirito imprenditoriale e la voglia di fare nei ragazzi. Se si valorizza questo spirito aumentano le opportunità di avanzamento sociale. Abbiamo numerosi esempi, in tutti i campi, di ragazzi di origine modesta che hanno avuto un grande successo professionale".
Investire sulla formazione è fondamentale ribadisce Cattacin: "Ma bisogna finirla con l’esaltazione dell’apprendistato, col dire ai giovani imparate un mestiere che al resto ci pensiamo noi. Con un mercato del lavoro ormai internazionalizzato e concorrenziale non basta più  imparare semplicemente un mestiere. Tutto ciò appiattisce verso il basso. L’apprendistato è importante, ma senza una maturità professionale non offre alcuna chance di crescita personale". Dunque, il consiglio del sociologo è di offrire ai giovani la possibilità di continuare gli studi, d’ investire sulla loro formazione.
Per Rossi l’ascensore sociale è bloccato sul lato dell’offerta di un lavoro capace di elevare economicamente e socialmente. "Gli imprenditori devono avere un approccio più inclusivo - afferma -, garantendo salari più elevati e una maggiore partecipazione dei dipendenti alla conduzione dell’azienda, condividendo con essi non solo le perdite ma anche gli utili. Nel loro stesso interesse, poiché solo dei collaboratori soddisfatti e motivati possono assicurare alle imprese quella competitività necessaria su mercati mondiali fortemente concorrenziali". Geninazzi insiste, invece, su un altro elemento: una cultura che, a scuola come nelle famiglie, incentivi l’autopromozione individuale e il senso di responsabilità, qualità che oggi in Ticino sono poco considerati.
"Non basta che io ai miei figli paghi gli studi sino alla laurea - dice -. Perché da sola la laurea non è sufficiente. Devo saper trasmettere loro la curiosità, la voglia di capire e aprirsi al mondo, il coraggio di fare, senza aspettarsi che sia lo Stato a dover fare qualcosa per loro. Sono queste doti che garantiscono una mobilità sociale verso l’alto".

ldagostino@caffe.ch
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur