Il "percorso" di cura degli over dipende dall'età
Immagini articolo
Un anziano su tre
muore in istituto
PATRIZIA GUENZI


Per pianificare, organizzare un’efficace rete di assistenza delle persone anziane e risparmiare è fondamentale sapere dove muoiono. Se negli Anni 50 il decesso avveniva a casa, oggi la maggior parte degli over 65 muore in un ospedale o in una casa per anziani. Nel 2016 infatti, il 44 per cento dei decessi è avvenuto in un istituto per la terza età e il 37 per cento in un ospedale. I dati (2016) emergono dallo studio dell’Osservatorio svizzero della salute (Obsan) "Le traiettorie del fine vita delle persone anziane", che ha analizzato i "percorsi" di circa 45mila over 65 deceduti e le loro tappe in ospedale e in casa anziani durante l’ultimo anno di vita. Ovviamente, le donne, con oltre la metà dei decessi, sono sovrarappresentate nello studio, il che corrisponde ad una loro maggiore longevità in generale e al fatto che gli uomini, in particolare tra i 65 e i 70 anni, muoiono più sovente al di fuori delle istituzioni.
Lo studio entra nei dettagli. Emerge quindi che il "percorso" più frequente, circa un terzo dei casi, è un fine vita in una casa anziani senza alcun ricovero in ospedale durante gli ultimi 365 giorni di vita. Mediamente gli anziani di questo gruppo occupano il personale di cura per 152 minuti di assistenza quotidiana. L’altro scenario, un po’ più di un quinto degli anziani, è quello del "ricovero multiplo". Il decesso avviene in ospedale dopo numerosi vai e vieni. Una degenza media di 44 giorni; in un terzo dei casi pazienti oncologici. C’è poi un 13,5 per cento di anziani che muore dopo soltanto un solo ricovero ospedaliero, di una decina di giorni circa. Più di otto volte su dieci dettati da un’urgenza. Infine, dieci decessi su cento avvengono in ospedale, il ricovero precede la casa anziani in sostanza.
Certo, sarebbe interessante quantificare le ospedalizzazioni evitabili, ma i risultati dello studio, hanno spiegato gli autori, non lo permette. Scopo della ricerca, infatti, non era quello di valutare o prevedere determinati tipi di percorso ma quello di osservarne le loro caratteristiche e frequenze per avere sempre più informazioni sulla presa a carico nell’ultima fase di vita delle persone anziane. Vero è che le riflessioni e le raccomandazioni legate ad un miglior coordinamento dell’assistenza nel fine vita e l’identificazione precoce dei pazienti - anche non oncologici - che avrebbero bisogno di cure palliative geriatriche, potrebbe però mutare il "percorso" di cura. Ad esempio, evitando alcuni ricoveri ospedalieri, o anticipandoli. Il tutto per assicurare agli anziani un’assistenza su misura, che risponda appieno alle loro necessità.
Necessità che non sempre o non sino in fondo sono rispettate. Lo studio mette infatti in evidenza una realtà conosciuta, anche se poco raccontata. Il "percorso" di cura differisce considerevolmente tra le classi d’età: "ricoveri frequenti" per i 65-79enni e "solo casa anziani" per gli over 80. In sostanza, il numero dei ricoveri cala più il paziente è anziano. E se buona parte di loro segue un trattamento intensivo sino quasi alla fine, certe patologie pesanti non sono più affrontate con la stessa intensità nella vecchiaia, data la percentuale molto piccola di gruppi di pazienti molto costosi nelle classi di età più avanzate.

p.g.
10.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Quel "Muro"di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019
22.05.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 3 giugno prossimo
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è