Lo studio di una sociologa sull'ascensore sociale elvetico
Immagini articolo
La foto di un Paese
dove pochi "sfondano"
CLEMENTE MAZZETTA


Era meglio quando si stava peggio. La società non fa che riprodurre le diseguaglianze di classe, sostiene Julie Falcon, sociologa all’Università di Losanna, che ha esaminato le dinamiche della mobilità sociale arrivando alla conclusione che la Svizzera non è più la terra delle opportunità come in passato (Studio del 2016: "Mobilité sociale au 20 siècle en Suisse").
Per Falcon, in un secolo "tutto è cambiato, ma tutto è rimasto uguale". L’ascensore sale (vedi anche articolo principale) solo per il  40% degli svizzeri, che migliorano la loro condizione rispetto a quella dei propri genitori. Per il 20% scende. Per il restante 40% non si muove.
Una situazione che è destinata a peggiorare nei prossimi anni. Falcon osserva che per i nati dopo il 1970, l’importanza dell’origine sociale sarà molto più decisiva che in passato. Analizzando l’evoluzione della mobilità sociale, alla luce dei cambiamenti che hanno caratterizzato la Svizzera nel ventesimo secolo, non solo emerge che i tassi di mobilità sociale sono rimasti sostanzialmente stabili, ma che l’ambiente sociale continua ad avere un’influenza molto forte sul destino sociale degli individui.
La gran parte del 40% che sale, in prevalenza fa parte della fascia più alta della società. L’accesso ai diversi livelli di istruzione è ancora stratificato secondo l’origine sociale. Solo chi è nella parte più elevata della classe media riesce a salire nella fascia dell’alta borghesia. Mentre per l’accesso alle qualifiche professionali le possibilità fra le classi sociali quasi si equivalgono, le chances d’accesso agli studi universitari per i maschi della classe media-alta sono il 39%, scendono al 14% in quella media, al 9% per la classe popolare. L’ambiente sociale d’origine mantiene così un peso significativo sul destino sociale degli individui. Appunto, tutto è cambiato, ma tutto è rimasto uguale.

c.m.
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur