function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Le stragi silenziose che colpiscono poliziotti e scolaresche
Gli attentati in Cina
oscurati dalla censura
GUIDO OLIMPIO


Un uomo al volante di una vettura travolge numerosi passanti: sette le persone uccise, altre ferite. Interviene la polizia e uccide il guidatore. Questo è avvenuto a Zaoyang, nella provincia di Hubei, in Cina. Attacco in apparenza senza alcun movente politico. Valutazione complicata dall’atteggiamento delle autorità che su storie come questa mettono il tappo della censura, spargono nebbia.
La strage, purtroppo, non è l’unica nel gigante d’Asia. Fin dai primi anni 2000 si sono verificati attentati con l’uso di sistemi "semplici", dal camion all’auto sulla folla, dai coltelli alle accette. In Cina le leggi sulle armi sono severe, dunque il criminale deve trovare il suo metodo.
Le vittime sono agenti, studenti di ogni età, normali cittadini. A colpirli - sempre in base agli scarni dati ufficiali - degli estremisti musulmani appartenenti alla minoranza degli uighuri, ma anche elementi definiti "anti sociali". Oppure dipendenti che avevano perso il lavoro, alle prese con debiti, contenziosi legali, dispute tra le pareti di casa. Di nuovo sono informazioni emerse dalle ricostruzioni ufficiali, inverificabili in un ciclo aumentato negli ultimi tempi.
In novembre "un disoccupato squilibrato" ha falciato una scolaresca - 5 i morti e 19 feriti - sorpresa sulle strisce pedonali. Secondo la polizia l’uomo aveva scelto il target a caso dopo una lite familiare. Qualche giorno nuovo attentato in un villaggio del Sichuan (sud-ovest), sette pedoni spazzati via e uccisi.
Ma andando oltre le reali motivazioni e gli esecutori è evidente come la Cina - insieme agli Stati Uniti - sia segnata da azioni violente che coinvolgono un gran numero di persone. Un terrorismo spesso di natura personale, un mondo dove il "vendicatore" punisce il prossimo prendendo di mira un gran numero di persone.
24.03.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00