Pe l'infermiere di Mendrisio indagini sino al 2018
Immagini articolo
Millilitri di morfina
e si trasforma in killer
R.C.


Prima tre. Poi cinque. Poi otto. Ora dieci anni. Il procuratore Nicola Respini sta analizzando una per una le cartelle cliniche di decine e decine di pazienti con cui l’infermiere potrebbe avere avuto a che fare. Dal dicembre 2018 - ovvero da quando, con l’accusa di maltrattamenti, l’infermiere 44enne dell’ospedale Beata Vergine di Mendrisio è stato arrestato - al 2008. All’accusa iniziale, cioè i maltrattamenti, da alcune settimane a questa parte come è noto si è aggiunta un’ipotesi di reato gravissima: omicidio intenzionale. Il sospetto è che, dal 2008 appunto, l’accusato abbia alterato il dosaggio di alcuni farmaci per accelerare la morte di alcuni pazienti anziani ad uno stadio terminale della loro malattia (per ora sarebbero almeno 5).
In queste settimane il procuratore sta convocando numerosi familiari di anziani morti negli ultimi dieci anni nel reparto di Medicina1 dove l’infermiere lavorava. Era alle dipendenze dell’ospedale Beata Vergine da sempre, da ventidue anni. Gli interrogatori effettuati sono decine e decine, una sessantina se non di più. Colleghi, ex colleghi, altro personale che ha avuto a che fare per ragioni professionali con l’infermiere sotto inchiesta. Ee familiari. In queste settimane sono molte le persone, congiunti di pazienti morti in ospedale, che hanno ricevuto una convocazione. Dove per altro, alcuni fanno notare, erano stranamente indicate le generalità dell’infermiere.
L’accusato, difeso dall’avvocatessa Micaela Antonini Luvini, nega. Nega naturalmente l’accusa di omicidio intenzionale. E solo per un caso, in modo particolare, quello che avrebbe dato il là alle indagini approfondite del procuratore Respini, ammette di aver alterato, aumentato per la precisione, le dosi di un farmaco, o dormicum o morfina, ovvero uno di quelli che solitamente vengono somministrati ai malati terminali per alleviarne le sofferenze.
Ed è qui, proprio in questo atto medico che si “gioca” l’agire più o meno compatibile con le mansioni professionali a cui era chiamato l’infermiere. Almeno in un caso, come detto, l’accusato non ha rispettato la prescrizione medica. Ha coscientemente aumentato il dosaggio, di morfina o dormicum, di fatto accelerando la morte del paziente. Ma è veramente così? Si può stabilire con assoluta certezza scientifica che alcune gocce in più di una sostanza possano accelerare (e di quanto?) la morte di una persona?
È un’inchiesta particolarmente difficile. E in tanti, sin dalle prime battute delle indagini, hanno individuato le montagne di difficoltà con cui la procura si sarebbe trovata. E si sta imbattendo. Sarà un procedimento che si svolgerà, molto probabilmente, a suon di perizie mediche. La linea di difesa dell’infermiere per ora, e da subito, è parsa chiara. Più o meno… Io non ho fatto nulla che abbia a che vedere con l’accusa di omicidio intenzionale. Una volta, e solo una volta, potrei aver alterato e di poco la prescrizione medica.
Gli interrogatori sono “entrati” nelle convinzioni e nel profilo etico dell’infermiere cercando ovviamente di comprendere quale sia la sua posizione nei confronti dell’eutanasia. Ma fosse solo per semplici ragioni etiche l’infermiere non ha potuto che dire che chiunque, di fronte alle sofferenze di una persona, cercherebbe di alleviarne i dolori. E la durata di questi.
E qui di apre un altro abisso di interrogativi. Non ci sono certezze assolute: di quanto tempo accorcerebbe la vita di una persona in uno stadio terminale l’aumento di qualche goccia di morfina o di dormicum? E chi può dire che quel paziente, indipendentemente dall’assunzione e dal dosaggio di un medicinale per via endovenosa, non sarebbe magari morto per il sopraggiungere di una qualsiasi complicazione? E anche queste domande fanno o faranno parte della linea di difesa dell’uomo in carcere dallo scorso dicembre.
La vicenda, come era immaginabile, ha scosso e sta scuotendo il personale dell’ospedale. Un mese fa era stata rinviata la festa per il pensionamento del direttore della struttura sanitaria. Si era capita sin da subito la gravità dei fatti. Sino ad allora inimmaginabili. Nei giorni scorsi si è comunque organizzata una piccola festa di saluto. Amara per tutti.

r.c.
24.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur