Berna e notai sulle vecchie autorità Lafe senza legittimità
Immagini articolo
Casa per stranieri
tra interrogativi e silenzi
ANDREA BERTAGNI


Settecento atti di compravendita di case e appartamenti a stranieri sono a rischio. È la notizia pubblicata dal Caffè due settimane fa, dopo che il Tribunale amministrativo cantonale ha definito incompetenti a decidere le vecchie commissioni Lafe (legge federale per l’acquisto di immobili da parte di stranieri). Questo perché una nuova legge (maggio 2018) ha introdotto un’unica autorità cantonale. Ma per un "pasticcio" le vecchie autorità sono rimaste in carica dando il via libera agli atti. È probabile che ora venga trovata una soluzione a quella decisione emessa il 21 marzo in seguito a un ricorso.
Nel frattempo, dopo il servizio del Caffè, la Divisione giustizia del Dipartimento delle istituzioni  ha replicato con un comunicato - peraltro poco chiaro - scrivendo di solo 5 "fattispecie" toccate dalla decisione del Tribunale a fronte di 700 atti. Per quale motivo? La Divisione il 5 aprile 2019 si è rifiutata di dare una ulteriore spiegazione. Soprattutto sul significato, in questo caso, di fattispecie. Non è quindi possibile sapere ufficialmente di cosa si tratta. Da quel che risulta al Caffè, le 5 "fattispecie" menzionate sarebbero il numero di ricorsi al Tribunale amministrativo.
"Io stesso sto aspettando di capire cosa succederà - dice Franco Pedrazzini, notaio a Locarno, esperto in compravendite - perché in effetti le vecchie autorità Lafe non avevano la facoltà di esprimersi". Di sicuro le decisioni 2018 di acquisto non contestate hanno prodotto l’iscrizione sul registro fondiario. A dare l’ultimo via libera  è il Dipartimento federale di giustizia. "Abbiamo ricevuto anche noi le sentenze del Tribunale amministrativo - spiega da Berna Francesco Macrì del Dipartimento - l’applicazione della Lafe spetta però ai Cantoni: se c’è stato un errore di legislazione cantonale, non spetta a noi intervenire". Ci sono inoltre almeno altri due aspetti da chiarire. Il primo riguarda le tasse di giustizia incassate a seguito delle decisioni delle vecchie autorità Lafe. In quanto frutto di decisioni nulle, queste tasse devono essere restituite?
Il secondo riguarda le sanzioni emesse contro le irregolarità alla Lafe dalle commissioni "inesistenti". Sanzioni che ogni anno garantiscono alcuni milioni alle casse cantonali. Potrebbero essere anch’esse nulle? La Divisione della giustizia si è rifiutata di dare una risposta. Maria Cristina Bonfio, presidente dell’ordine dei notai, spiega: "Non dovrebbero esserci grandi problemi in quanto si tratta di transazioni in accordo tra tutte le parti". L’ordine si prenderà comunque il tempo per riflettere. "La nullità delle multe secondo me potrebbe invece essere invocata - spiega Pedrazzini - ma per i ricorrenti sarebbe una vittoria di Pirro, perché le nuove autorità, non farebbero altro che replicare le decisioni di ammenda già pronunciate".

an.b.
14.04.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur