Strutture cantonali tra le meno gradite ma le cure convincono
Immagini articolo
Poca soddisfazione
negli ospedali ticinesi
ANDREA STERN


Saranno i pazienti ticinesi ad avere troppe pretese o gli istituti di cura a non essere all’altezza della situazione? Ognuno la interpreti come preferisce ma è un dato di fatto che le cliniche e gli ospedali del nostro cantone sono nel panorama nazionale quelli che creano più scontenti. Il peggiore è l’ospedale Beata Vergine di Mendrisio (Obv), 146esimo su 151 istituti presi in considerazione dal portale quel-hopital basandosi sui risultati dell’ultimo studio dell’Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (Anq).
I rilevamenti sono stati effettuati nel settembre 2017. A tutti i pazienti dimessi durante quel mese è stato sottoposto un questionario con sei domande sul loro soggiorno in ospedale, alle quali era possibile rispondere con un punteggio tra 1 (pessimo) a 5 (ottimo). Si sono espresse 34.053 persone, grazie alla quali è stato possibile ottenere dati significativi per 151 ospedali. Le altre strutture non hanno potuto essere incluse nello studio a causa del numero troppo ridotto di questionari ritornati.
La classifica a fianco è stata stilata dal portale quel-hopitalsulla base delle risposte alla prima domanda: "Come valuta la qualità delle cure (dei medici e del personale infermieristico)?". Si notano chiaramente numerosi ospedali ticinesi in fondo alla classifica. Oltre al già citato Obv, 146esimo, il San Giovanni di Bellinzona è 145esimo, la Santa Chiara di Locarno 144esima e l’ospedale regionale di Lugano 139esimo. Appena più in alto c’è un’altra struttura privata, la Clinica Luganese, 131esima. Si potrebbe dire "mal comune mezzo gaudio" ma restano tutti dei piazzamenti poco onorevoli, appena bilanciati dagli unici due istituti ticinesi che riescono a entrare nella prima metà della classifica, il Cardiocentro, 33esimo, e la Clinica Sant’Anna di Sorengo, 60esima.
Va tuttavia rimarcato che anche gli ospedali che occupano le ultime posizioni in classifica hanno ottenuto valutazioni tutto sommato buone. L’Obv, ad esempio, ha un grado di soddisfazione del 4,01 su 5, mentre il  San Giovanni del 4,03, non poi così distante dal 4,35 del Cardiocentro. Appena più negative sono state le risposte alla domanda "Come era l’organizzazione della sua dimissione dall’ospedale?". L’Obv (3,78) è ancora una volta il peggiore in Ticino nonché uno tra i peggiori in Svizzera.
Ma, si sa, le statistiche possono cambiare in fretta, soprattutto se basate su dati soggettivi come il grado di soddisfazione dei pazienti. Si noti che in base allo stesso criterio l’Obv si aggiudicò nel 2007 il titolo di migliore ospedale della Svizzera secondo un sondaggio di comparis.ch.
Infine va sottolineato che, seppure non sempre pienamente soddisfatti, i pazienti che escono dagli ospedali e dalle cliniche elvetiche si sentono in grande maggioranza bene, almeno fisicamente. Quasi la metà degli interpellati (48,4%) ha infatti dichiarato una salute "buona", il 28,9% "molto buona" e il 9,4% addirittura "eccellente". Ed è questo l’importante perché all’ospedale non si va tanto per trovare soddisfazione, bensì per ritrovare la salute.

astern@caffe.ch
09.06.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Se il parco verde
va a finire in fumo
L'INCHIESTA

Un tempo miniere d'oro
ora stabili abbandonati
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I migranti di successo
incrociano i loro destini
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dall'Iran sino a Kim
donald alza il tiro
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.
12.06.2019
Pubblicato il rapporto annuale 2018 sul programma di monitoraggio ICP-Waters [www.ti.ch/aria]
11.06.2019
Qualità dell'aria in Ticino: rapporto 2018 [www.ti.ch/aria]
07.06.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha rinnovato il suo portale tematico, modificando e aggiornando parte della documentazione [www.ti.ch/commesse]
05.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2019
31.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2019
23.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2019
22.05.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 3 giugno prossimo
21.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Slovacchia
si insedia
la Presidente
europeista

Haiti in piazza
vuole
le dimissioni
del presidente