function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Novità sui filmati dell'ex dipendente del Beata Vergine
Immagini articolo
Infermiere sotto accusa,
due i video coi colleghi
R.C.


Sono due i video girati con uno smartphone in cui compaiono tre colleghi dell’infermiere 45enne dell’ospedale Beata Vergine di Mendrisio, sotto inchiesta da otto  mesi, accusato di omicidio intenzionale: diciassette anziani pazienti. Ne avrebbe accelerato la morte alterando il dosaggio di alcuni farmaci. Le accuse che lo hanno tenuto in carcere da dicembre a metà agosto sono numerose. Oltre a quella di omicidio... "violazione della sfera segreta o privata mediante apparecchi di presa di immagini".
Nell’ultima fase dell’inchiesta sono emerse delle possibili (fors’anche indirette) complicità di alcuni colleghi. Complicità per quanto riguarda le decine e decine di fotografie scattate a pazienti a letto o in situazioni imbarazzanti. Fotografie ma anche, come detto, video girati con lo smartphone dell’infermiere.
Sono due i filmati sui quali gli interrogatori si sono e si stanno concentrando. In uno si vedono un collega e una collega dell’imputato. La donna la si sente chiaramente pronunciare una frase del tipo... "stiamo facendo qualcosa da denuncia". Cercavano di somministrare un farmaco ad una "paziente psichiatrica". Filmando il tutto.
Nel secondo video, sempre girato dall’infermiere 45enne, si vede alquanto chiaramete una giovane collega all’interno di una camera e accanto ad un paziente. La ragazza è stata fra le prime persone ad essere interrogata all’inizio dell’anno, cioè quando le accuse di maltrattamento di alcuni anziani si allargarono all’omicidio.
Quale era il grado di consapevolezza dei colleghi dell’infermiere su quanto accadeva nel reparto di Medicina1? Lo scambio di fotografie e video avveniva anche attraverso due chat interne. L’uomo sotto inchiesta sostiene di non essere stato l’unico a scattare immagini e a filmare. Sostiene di avere inviato fotografie anche su richiesta. Ma, da questa probabile consapevolezza in relazione ai reati minori, è possibile dedurre un’altrettanta consapevolezza per quanto riguarda l’accusa di omicidio intenzionale? Per ciò che riguarda, cioè, l’alterazione delle prescrizioni mediche su alcuni pazienti oncologici in fase terminale?
Durante il primo periodo di carcerazione preventiva dell’imputato, un gruppo di colleghi gli ha fatto arrivare una lettera di solidarietà. Un indizio, secondo alcuni. Qualche collega forse sapeva o sospettava. Forse aveva visto l’imputato non rispettare le prescrizioni mediche. L’infermiere, che da sempre si professa innocente, ha ammesso ed ammette però di aver voluto in qualche caso alleviare il dolore dei pazienti. Ma non certo di averne voluto accelerare la morte.  
Dichiarazioni queste, però, che contrastano, secondo gli inquirenti, con alcune frasi pronunciate dall’imputato. Frasi pesanti. Si era infatti autodefinito "angelo della morte".
Secondo i magistati, dai numerosi interrogatori a cui è stato sottoposto l’imputato, è emersa una particolare tendenza a sminuire la gravità dei fatti ricostruiti. Oltre ad una personalutà particolarmente deviata.
I reati a suo carico sono numerosi: tentate lesioni gravi, vie di fatto reiterate, rappresentazione di atti di cruda violenza, violazione della sfera segreta e privata, coazione, pornografia e turbamento della pace dei defunti. E sono una ventina i familiari di pazienti morti costituitisi "accusatori privati".
r.c.
22.09.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00