Il mercato dell'alloggio disegna la geografia della natalità
Immagini articolo
Né montagna né città
ora si nasce in periferia
ANDREA STERN


L’anno scorso a Vogorno sono nati sei bambini. Una cifra da capogiro, per il piccolo comune verzaschese che gli è valso un tasso di natalità triplo rispetto alla media cantonale. Nessun altro ha fatto meglio. "È stato un caso eccezionale - ammette Ivo Bordoli, sindaco di Vogorno -. Sarebbe bello se fosse sempre così, ma in realtà sono di più gli anni in cui non nasce neanche un bebè".
Le valli, un tempo molto feconde, sono invece oggi particolarmente sterili. Popolate da molti anziani e poche famiglie, vivono le nascite come un evento raro e inconsueto. D’altro canto i centri urbani non sono molto più prolifici. Comuni come Locarno, Lugano o Mendrisio fanno spesso e volentieri registrare tassi di natalità inferiori alla media cantonale, per non parlare di quella nazionale, che è molto più alta. E quindi, dove nascono i bambini? Semplice, in periferia.
È nella cintura urbana, non in centro ma nemmeno troppo lontano dal centro, che le giovani coppie decidono di trasferirsi per mettere su famiglia. Nel Locarnese, ad esempio, Gordola e Tenero-Contra vantano costantemente un numero di nascite superiori alla media cantonale. L’anno scorso anche Gambarogno ha ospitato parecchie culle. Mentre la città di Locarno, nonostante la cifra tonda di cento nascite, si è fermata a un tasso di natalità del 6,3. Vale a dire 6,3 neonati ogni mille abitanti, meno della media cantonale che è di 7,1 neonati ogni mille abitanti.
Nel Mendrisiotto si rivelano particolarmente prolifici Coldrerio e Castel San Pietro. Nel Luganese a piacere alle giovani famiglie sono i comuni di Bedano e Gravesano, situati in una delle poche zone che combinano abitazioni a prezzi relativamente abbordabili con una certa facilità di accesso al centro città. Dal canto suo la Città di Lugano, dove l’anno scorso hanno visto la luce 496 bambini, è tornata appena sopra la media cantonale. Ma negli ultimi anni era stata più spesso sotto che sopra.
La spiegazione è piuttosto semplice. Nei centri mancano case a misura di famiglia. L’Ufficio di statistica ha calcolato che le famiglie con figli risiedono in abitazioni  più grandi (in media 117 m2) rispetto alle economie domestiche senza figli (in media 95 m2). Le famiglie con figli sono anche più spesso proprietarie dell’abitazione (il 32,4%) rispetto a chi non ne ha (il 20,5%). È quindi chiaro che i genitori si orientano verso quei comuni che permettono loro di trovare lo spazio necessario e se possibile di acquistarlo.
Di spazio, a dire il vero, ce ne sarebbe in abbondanza nelle valli. Ma la facilità di trovare una casa a prezzi abbordabili è controbilanciata dalla lontananza dai centri urbani. E così la pur bellissima Valle di Blenio si trova a occupare l’ultimo posto nella classifica ticinese della natalità. L’anno scorso sono nati 34 bambini, vale a dire 5,9 ogni mille abitanti. Appena meno che in Leventina, dove i lieti eventi sono stati 55, ossia 6 ogni mille abitanti.
astern@caffe.ch
08.12.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una legge razziale
a rischio per l'India
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

India:
il Gange
accoglie
i fedeli

Francia: a Parigi
si festeggia
il capodanno
lunare cinese

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00