function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




In automobile in coda per ore e si muore d'inquinamento
Immagini articolo
Per i veleni nell'aria
sei vittime al giorno
MAURO SPIGNESI


Ogni anno in Svizzera muoiono da 2.200 a 2.800 persone per patologie legate all’inquinamento. In pratica ogni 24 ore si registrano da 6 a 7 vittime per malattie polmonari, soprattutto tumori, o disturbi cardiovascolari. Polveri fini, scarichi d’auto e altre sostanze tossiche che ogni giorno si respirano accorciano la vita. In Ticino, dove è scattata la rivolta-appello dei sindaci del Mendrisiotto, territorio soffocato dal traffico, si possono calcolare indicativamente 150 decessi l’anno. Una stima fatta anni fa sulla base della popolazione svizzera, non essendoci statistiche a livello cantonale. "Ma i numeri non si dovrebbero discostare molto - spiega il dottor Andrea Bordoni, responsabile del Registro cantonale dei tumori -. Ogni studio, poi, si compone di proprie metodologie e si basa su casistiche varie. Però, è vero, i numeri sono importanti".
Dentro l’inquinamento - l’altra faccia del traffico e delle emissioni di caldaie e altri fumi - c’è un po’ tutto, da quello sonoro a quello delle emissioni. E nonostante i progressi a livello nazionale, molto resta da fare. "Certo che questa cifra di decessi preoccupa e inquieta - dice Marco Zanetti, componente di Medici per l’ambiente e presidente di Pro natura Ticino -. È arrivato il momento di smettere di parlare e passare all’azione, ma  dobbiamo partire dai nostri comportamenti quotidiani. Poi, è vero che servono le grandi opere ma serve iniziare dal basso. Per capire quanto siamo indietro basta pensare che qui da noi viaggiano le auto diesel 3 mentre nei Paesi vicini le hanno bandite".
In Ticino il livello di inquinamento più alto si registra in particolare in certe zone, come, appunto  il Mendrisiotto, dove più volte si è levata la protesta anche di comitati spontanei, oltre quella recente dei sindaci. Qui più volte anche le popolazioni hanno manifestato per l’eccessivo livello di C02, mitigato appena dalle auto nuove con sistemi di emissione meno "velenosi" rispetto a quelli di anni fa. Ma in diversi settori, spiegano dall’Ufficio federale per l’ambiente e da quello della sanità pubblica, "mancano ancora conoscenze scientifiche sulle interazioni tra ambiente e salute umana. Spesso mancano anche i dati sull’esposizione agli inquinanti". Ed ecco perché è stato annunciato l’ennesimo studio, un biomonitoraggio. Perché, nonostante i progressi, "le concentrazioni di polveri fini e ozono sono regolarmente troppo elevate". Veleni che si sprigionano nell’aria.
"Se una persona ha già una malattia cronica, cardiovascolare o polmonare, il tasso di inquinamento non lo aiuta di certo e per lui aumentano i rischi", spiega il dottor Hans Stricker, caposervizio del reparto di angiologia interventistica presso l’Ospedale di Locarno, oltre che presidente della Piattaforma per la salute. "Il problema, la minaccia è in particolare il C02. E per eliminare questa fonte di inquinamento – aggiunge il medico - bisogna invertire le proprie abitudini. Cominciando a usare auto elettriche, sfruttando il fotovoltaico, utilizzando forme alternative di energia per riscaldamento. Ma purtroppo non siamo in un’isola e serve una strategia complessiva e integrata".
m.sp.
08.12.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00