Contro i ritardi le Ffs allungano i tempi di percorrenza
Immagini articolo
Con il nuovo orario...
i treni saranno più lenti
ANDREA STERN


Un minuto in più tra l’aeroporto della Malpensa e Lugano. Due minuti in più tra Bellinzona e Airolo. Un minuto in più tra Lugano e Chiasso. Dal prossimo 15 dicembre i treni saranno un po’ più lenti. O forse solo un po’ meno in ritardo. Questione di punti di vista. Fatto sta che, ancora una volta, il nuovo orario delle Ferrovie federali svizzere ufficializza tempi di percorrenza allungati anziché abbreviati. Un controsenso in una società dai ritmi sempre più incalzanti. Ma tant’è. Le Ffs hanno deciso di andare controcorrente.
I cambiamenti del nuovo orario sono minimi, pressoché impercettibili. Tuttavia se sommati a quelli degli anni precedenti diventano più consistenti. Prendiamo l’esempio del collegamento tra Bellinzona e Airolo. Dal 15 dicembre l’orario prevede due minuti di viaggio in più, da 55 a 57. Può sembrare poco ma cinque anni fa per percorrere la stessa tratta bastavano 52 minuti e nel 2010 solamente 51. In dieci anni si sono dunque persi sei minuti, nonostante la linea sia rimasta la stessa e il materiale rotabile sia in teoria più moderno.
Ancor più consistente è l’aumento del tempo di viaggio tra Bellinzona e Lugano. Nel 2010 gli Intercity, ovvero i treni diretti, percorrevano la tratta in 21 minuti. Cinque anni dopo l’orario prevedeva invece 23 minuti. Ora ci vogliono addirittura 27 minuti. In dieci anni il tempo di viaggio si è dunque allungato del 28%. Fortunatamente ci si può consolare col fatto che nel dicembre 2020 è prevista l’apertura della galleria di base del Monte Ceneri. Un’opera destinata, sono le parole delle Ffs, "a dimezzare i tempi di percorrenza attuali tra Bellinzona e Lugano". Sarà interessante scoprire quali tempi di percorrenza saranno stati considerati come "attuali". Gli esempi del passato non lasciano ben sperare. In un rapporto governativo del 2005, ad esempio, si legge che la nuova tratta ferroviaria tra Stabio e Arcisate avrebbe permesso di collegare Lugano con l’aeroporto della Malpensa in 60 minuti. Con grande fatica la tratta è stata costruita. Ma oggi occorrono 96 minuti per raggiungere il Terminal 1, 102 minuti per il Terminal 2. A partire dal 15 dicembre gli orari d’andata rimarranno invariati ma al ritorno ci vorrà un minuto in più. Se almeno servisse ad arrivare in orario sarebbe già una buona cosa.
In base ai dati del portale Puentlichkeit.ch l’obiettivo è lungi dall’essere raggiunto. Su alcune tratte del Sottoceneri sono addirittura più numerosi i treni in ritardo che quelli in anticipo. Come ad esempio tra Maroggia-Melano e Capolago Riva San Vitale, dove negli ultimi dodici mesi sono transitati 18.071 treni regionali. Di questi, ben 9.116 viaggiavano con un ritardo superiore ai tre minuti. Nel traffico internazionale, invece, si nota ad esempio che il 47% dei treni tra Chiasso e Lugano aveva almeno tre minuti di ritardo. Insomma, di piccoli ritocchi all’orario ne occorrerebbero ancora parecchi.
a.s.
08.12.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una legge razziale
a rischio per l'India
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

India:
il Gange
accoglie
i fedeli

Francia: a Parigi
si festeggia
il capodanno
lunare cinese

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00